Botte e insulti a bambini asilo: maestra cilentana arrestata

di Luigi Martino

Assunta come organico Covid, una maestra di 57 anni della frazione Eremiti del comune di Futani, in servizio in una scuola dell’infanzia di Mondovì, nel Cuneese, in Piemonte, è stata arrestata dai carabinieri per violenze, fisiche e verbali, nei confronti degli alunni tra i 3 e i 5 anni. E’ stato l’istituto, una materna pubblica, ad avvisare i carabinieri dopo le lamentele dei genitori: i bimbi non volevano più far lezione con lei. Così in dicembre sono partite le indagini. Ora la donna è ai domiciliari.

L’inchiesta ha documentato, anche grazie alle telecamere nascoste dai carabinieri, “condotte abituali” e “sproporzionate rispetto alla finalità educativa, lesive della dignità dei piccoli”. L’insegnante riduceva i bambini, con urla, ingiurie, minacce e percosse, in una “condizione di paura e di soggezione tali da rendere loro la frequenza delle lezioni intollerabile”. Non solo: “Cercava di condizionare psicologicamente i piccoli perché non raccontassero a casa ciò che accadeva in aula”.

©Riproduzione riservata