• Home
  • Attualità
  • Buonabitacolo, 88 anni dopo chiude la scuola materna gestita dalle suore

Buonabitacolo, 88 anni dopo chiude la scuola materna gestita dalle suore

di Luigi Martino

di Pasquale Sorrentino

Le Religiose dei Sacri Cuori sono presenti a Buonabitacolo dal 1932 quando furono chiamate dall’allora Podestà che «per soddisfare i desideri della popolazione e per secondare le direttive delle superiori autorità» aveva aperto un Asilo d’Infanzia e richiesto alla Superiora Generale delle Religiose alcune suore da «preporsi all’erigente istituto». Dopo 88 anni però non sarà più così. Infatti le suore verranno trasferite a Sant’Arsenio. La notizia del trasferimento di una delle suore è stata data con un post su Facebook dal sindaco Giancarlo Guercio nel salutare con affetto suor Antonella. Chiude così la scuola materna gestita dalla Congregazione delle religiose dei Sacri Cuori di Gesù e Maria. Due anni fa furono raccolte 550 firme per chiedere alla Casa Madre di non chiudere la scuola. Dopo due anni, però, il problema si è ripresentato e la carenza di suore e vocazioni non ha fatto altro che farlo ripresentare e quindi procedere alla chiusura. “Dopo 88 anni si chiude, nel silenzio generale, – ha denunciato l’ex sindaco Elia Rinaldi – servizio importante per la nostra comunità. A nulla sono valsi gli sforzi compiuti da tante persone per impedire la soppressione della Scuola materna comunale, diretta dalle Religiose del Sacro Cuore. Si poteva fare di più? Banalmente si potrebbe dire che “le vie del Signore sono infinite”. Bastava crederci, però. Ma ho la sensazione che qualcosa di strano stia accadendo. Viviamo come anestetizzati, senza voglia di andare avanti”.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019