«Cacciamo via chi deturpa, inquina e delinque. Il Cilento merita rispetto»

Dopo i vari fatti di cronaca accaduti soprattutto lungo la costiera del basso Cilento, un’associazione di Marina di Camerota lancia un appello alle forze dell’ordine e alle istituzioni. L’associazione abbraccia diversi rami e offre vari servizi al territorio. Tra sport e natura i membri della «Cilento adventures» accompagnano i turisti in fondo al mare 5 Vele Legambiente con corsi di apnea, sulle barche per una trascorrere giornate di pesca-turismo, a cavallo dalle spiagge alle montagne passando nel fiume Mingardo per ammirare le bellezze di Camerota e Palinuro. Ma c’è dell’altro: l’ospite può scegliere tra una passeggiata in montagna sul massiccio del monte Bulgheria e una mini crociera in barca a vela tra le cale di Palinuro e le baie di Marina di Camerota. Le stesse persone che offrono questi servizi, si imbattono spesso in episodi di inciviltà. C’è chi ha raccolto le buste di spazzatura lasciate a cala Bianca e al Pozzallo, chi dal mare tira fuori buste di plastica e quant’altro. A questi episodi vandalici vanno ad aggiungersi quelli di microcriminalità che hanno colpito fortemente la comunità di Camerota. Per questi, e altri motivi, i membri dell’associazione hanno lanciato un appello chiaro e preciso, indirizzato all’amministrazione di Camerota e alle forze dell’ordine che tutelano e controllano il territorio: «Chiediamo l’istituzione del foglio di via da dare a tutti coloro che: inquinano, deturpano e delinquono sul nostro territorio. Il Cilento merita rispetto».

©Riproduzione riservata