• Home
  • Sport
  • Futura – Real San Vincenzo: derby dalle mille emozioni

Futura – Real San Vincenzo: derby dalle mille emozioni

di Luigi Martino

Per la dodicesima giornata del campionato di Prima categoria girone H, si sono affrontate al campo sportivo “Leon de Caprera”, le due compagini camerotane, che hanno dato sfogo ad un derby infuocato e pieno di emozioni. La squadra di mister Scarpitta, il Futura, arriva al derby quinta classificata, consapevole però del fatto che i nuovi acquisti daranno forza e vitalità alla squadra. Gli undici di mister Ciociano, non badano alla classifica e scendono in campo con la giusta cattiveria, quella necessaria per affrontare un match come quello contro il Futura.

Cronaca della gara

Giornata soleggiata a Marina di Camerota, campo in buone condizioni e un’atmosfera divertente sulle gradinate. Presenti circa 500 tifosi.

FUTURA CAMEROTA: Viterale, Coppola, La Bruna (15’st Fusi), Scanniello (35’st Cusati), Fiumarella, Martuscelli, Di Mauro, Elia, Laino, Marsicano, Scutumella. All. Scarpitta

R.S.V. CAMEROTA: Vincelli, A. Russo, Fiordispina, De Luca, Saturno, Del Duca (30’st Scarpitta), Marotta, Garofalo, G. Ciociano ( 10′ st V. Ciociano), Pellegrino, V. Russo. All. Ciociano

Il match parte subito forte ed il Real San Vincenzo ha diverse occasioni per portarsi in vantaggio: bravo Viterale al 20′ del primo tempo a deviare in corner una conclusione di Garofalo. Nella ripresa la musica non cambia, si gioca soprattutto all’interno del cerchio di centrocampo, anche se dobbiamo ricordare il sinistro di Laino che si infrange sull’ultimo difensore, che salva la porta di Vincelli.

Al 30′ della ripresa, per un fallo di mano, viene assegnato un calcio di rigore al Futura Camerota. Dal dischetto va Scutumella che vede neutralizzarsi la conclusione da una splendida parata di Vincelli. Dopo soli 10 minuti, Carmine Elia sceglie il tempo giusto per staccare di testa e insaccare la palla alle spalle dell’estremo difensore avversario. E’ 1 a 0 per i padroni di casa.

La rete del vantaggio scatena un parapiglia sugli spalti. Un tifoso della squadra di casa afferra una bandiera e parte alla volta del settore ospiti. Il gruppo di tifosi ospiti non ci sta’ e risponde con uno sgambetto alla provocazione, facendo così intervenire altre persone presenti lì di fianco in difesa del ragazzo. Le due tifoserie arrivano più volte alle mani, costringendo i giocatori ad interrompere momentaneamente il match.

Passano 5 minuti e l’incontro riprende. Nemmeno il tempo di far sistemare tutti gli spettatori e Fusi realizza la rete del 2 a 0, chiudendo così il match a soli 2 minuti dalla fine. Il Futura vince il derby e tiene sempre d’occhio le prime quattro in classifica che vincono tutte, senza concedere nessun punto. La vetta dista però solo 5 lunghezze.

Dopo l’incontro, alcuni tifosi del Real San Vincenzo, sul social network Facebook hanno espresso pubblicamente il loro malcontento, sul gruppo denominato appunto con il nome della società camerotana. Una giovane tifosa scrive:”Si puo definire tifoseria del futura quella??? Vergogna vergogna vergogna!!!”, mentre un altro tifoso ha qualcosa da dire alla dirigenza del Futura:”Facciamo i complimenti ai dirigenti del A.s.d Futura Camerota che si fanno offendere dai loro stessi tifosi che gli gridavano camerotani caprari, ma i dirigenti del Futura se non sbaglio non sono di Camerota? se questo era il vostro progetto sportivo complimenti!Poi se per avere 4 sfigati che fanno due schiamazzi si spacciano per la Pol.Marina siete veramente fenomenali……………..VERGOGNA”.

©Riproduzione riservata



Articolo Precedente
Denunciate cinque persone

A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019