• Home
  • Sport
  • L’Ippogrifo affonda i delfini. Esordio negativo per mister Volpe

L’Ippogrifo affonda i delfini. Esordio negativo per mister Volpe

di Luigi Martino

In realtà però, la formazione che si è vista ad Agropoli non ci è apparsa incontenibile, merito anche dei bianco-azzurri che per la prima mezz’ora hanno dimostrato di poter tenere testa anche alla prima della classe ma sono poi scomparsi col passare dei minuti mettendo in evidenza pericolose lacune difensive. Eppure era stata proprio la formazione di mister Volpe a passare in vantaggio per prima all’8′ grazie ad una rete de Passerella che, ben imbeccato da Apicella autore di una buona  incursione in area, non deve far altro che appoggiare in rete.
   
L’Agropoli cerca di gestire il vantaggio ma l’Ippogrifo non ci sta e col tempo inizia a guadagnare metri, la difesa dei delfini con un super Ferretti riesce a reggere bene nonostante il centrocampo regali troppi palloni agli avversari. Proprio da una palla persa a metà campo al 18′ arriva il gol del pareggio grazie ad Orino che indisturbato raggiunge il limite dell’area e senza che nessuno lo contrasti riesce a calciare liberamente il pallone spedendolo nell’angolino basso dove Vitale non può arrivare. Passano appena dieci minuti e l’Ippogrifo riesce anche a passare in vantaggio mettendo ancora a nudo le difficoltà difensive dei delfini. L’ennesima amnesia della retroguardia di casa permette infatti ad un liberissimo Martone di calciare a rete sugli sviluppi di un corner.

Lo svantaggio inizia a pesare sull’Agropoli che tenta di spingere sull’accelleratore ma si trova difronte un muro formato da Borrelli e Criscuolo. Apicella è il più pericoloso dei suoi e al 32′ reclama anche un rigore che però il sig. Fiorini di Frosinone non concede. Si va dunque negli spogliatoi sul risultato di 2 a 1.

Nella ripresa il ritmo cala, l’Ippogrifo da l’impressione di volersi accontentare del risultato, l’Agropoli sembra invece non avere la forza di reagire. Devono passare 20 minuti per vedere un tiro in porta pericoloso calciato da Rega dal limite dell’area ma la palla esce di poco al lato. Al 39′ invece è Manzo a rendersi pericoloso, ancora con un tiro dal limite che questa volta impatta sulla traversa e vola via.  Man mano che i minuti scorrono l’Agropoli scompare e l’Ippogrifo tenta il colpo del ko che arriva in pieno recupero, grazie a D’Antò che costringe anche Ferretti ad alzare bandiera bianca e spedisce il pallone alle spalle di Vitale. Termina 3 a 1 per la formazione di mister Squillante che continua a guardare le altre squadre dall’alto verso il basso. Per i delfini invece uno stop dopo due vittorie consecutive. Per mister Volpe c’è molto da lavorare sul piano mentale, tecnico e atletico.

AGROPOLI: Vitale, Iuliano (27’st Gentile), Garaffa (33’st Melella), Sabatino, Bisogno, Ferretti, Passarella (7’st Barone), Manzo, Apicella, Rega, Bevilacqua. A disp: Formisano, Cauceglia, Carbone, Di Vattimo. All. Volpe

IPPOGRIFO: Calò, Luce, Giardino, Vitiello, Borrelli, Criscuolo, Bizzarro, Martone, Aurino (30’st D’Antò), Strazzullo (29’st Sticco), Guadagnuolo. A disp: Puleo, Landi, Florese, Falcini, Giocondo. All. Sodano.

ARBITRO: Fiorini di FrosinoneMARCATORI: 9’pt Passarella (A), 20’pt Aurino (I), 29’pt Martone (I), 49’st D’Antò (I)

NOTE: Spettatori 150 circa, di cui 50 provenienti da Sarno. Ammoniti Sabatino, Bevilacqua, Calò, Vitiello, Strazzullo.

Pagelle:
Vitale: incolpevole sui gol, 6
Iuliano: fa il suo compitino senza però eccellere, 6. Dal 72′ Gentile: nonostante la giovane età mostra alcuni buoni colpi. Gioca però troppo poco per poterlo valutare, s.v.
Garaffa: difende e spinge sulla destra arrivando spesso al cross, buona la sua prova nel primo tempo, nella ripresa col passare dei minuti scompare così come il resto della squadra, 6,5. Dal 78′ s.t. Melella s.v.
Sabatino: una delle sue peggiori partite quest’oggi, a centrocampo regala troppi palloni agli avversari, 4,5
Bisogno: in miglioramento rispetto alla gara con la Palmese, ancora però non al top. Male in occasione dei gol, 5,5
Ferretti: Buona la sua prova, si arrende soltanto alla fine della gara quando D’Antò lo mette a sedere e segna il 3 a 1, 6
Passarella: segna ed è autore di una buona prova, 6,5. Dal 52′ Barone: ha due buone palle gol che non riesce a sfruttare 5
Manzo: prova anonima la sua, si vede a sprazzi, 5.
Apicella: un gladiatore in attacco. A lui vanno gran parte dei meriti per il gol di Passarella. Non riesce ancora a segnare e questo fa calare il suo voto, 6
Rega: buon giocatore ma è ancora lontano dal Rega dello scorso anno. Prova comunque sufficiente, 6
Bevilacqua: acquista fiducia col passare dei minuti e nel primo tempo è uno di quelli che si propone di più. Nella ripresa però scompare, 5,5
All. Volpe: è all’esordio e ha avuto poco tempo per lavorare, s.v.

fonte: infoagropoli.it

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019