• Home
  • Cronaca
  • Caldo e pioggia, turisti in fuga dalle spiagge: cosa prevede il meteo

Caldo e pioggia, turisti in fuga dalle spiagge: cosa prevede il meteo

di Luigi Martino

ENTRO LA SERATA DI VENERDÌ 19 FORTE DIMINUZIONE DELLE TEMPERATURE E TEMPORALI SPARSI.
FLASH: un nucleo di aria fresca in quota va spostandosi dalla regione pirenaica verso est-sud-est interessando in maniera significativa le regioni settentrionali e in parte quelle centrali della nostra penisola.
Con l’abbassamento della superficie isobarica di 500 hPa (vedi prima cartina in basso) conseguentemente all’intrusione di aria fresca abbiamo avuto condizioni di tempo fortemente instabile su alcune regioni del nord con fenomeni molto intensi che hanno creato numerose criticità e purtroppo anche vittime, come è accaduto in Toscana.
È chiaro che tale fenomenologia si è sviluppata con il notevole apporto di umidità e calore presente nei bassi strati il quale funge da carburante per la genesi dei sistemi nuvolosi a sviluppo verticale.
Nelle prossime 24 ore anche sulla nostra regione avremo un calo dei geopotenziali e l’arrivo di aria fresca in quota (vedi seconda cartina).
Sebbene saremo interessati marginalmente dal transito della goccia fredda in quota non mancheranno rovesci temporaleschi che interesseranno in maniera sparsa il nostro territorio. In particolare le precipitazioni a carattere di temporale non dovrebbero mancare nelle aree appenniniche durante il pomeriggio, mentre nelle ore notturne cellule temporalesche potrebbero progredire dal mare verso l’immediato entroterra. Per alcuni settori costieri occhio alla serata di venerdì 19 quando potrebbero abbattersi temporali anche intensi.
Le temperature entro la serata di venerdì subiranno una diminuzione di 10-12°C rispetto ai valori attuali.
Giuseppe Stabile, Tecnico Meteorologo Ampro

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019