• Home
  • Comuni
  • Camerota
  • Camerota, 29enne accoltellato: minore si costituisce ai carabinieri

Camerota, 29enne accoltellato: minore si costituisce ai carabinieri

di Luigi Martino

Si è spontaneamente presentato dai carabinieri, nella caserma di via Bolivar a Marina di Camerota, il ragazzo coinvolto nella lite al porto, avvenuta nella notte tra giovedì e venerdì, dove un ragazzo di 29 anni è rimasto ferito con un’arma da taglio. Il giovane, minorenne, residente nel napoletano, è stato accompagnato dal difensore di fiducia, l’avvocato Vincenzo Speranza, e dai suoi genitori. E’ stato ascoltato dalle forze dell’ordine guidate dal maresciallo Francesco Carelli e ha ricostruito, insieme agli inquirenti, i dettagli della vicenda, offrendo una serie di riscontri testimoniali.

Secondo quanto emerso, il ragazzo avrebbe raccontato ai carabinieri si essere stato scoperto a bordo di una imbarcazione, insieme ad altre persone,. Quest’ultime subito dopo «si sarebbero allontanate». A quel punto il giovane napoletano, rimasto solo, ha riferito che sarebbe «stato minacciato e brutalmente mal menato da uno dei tre guardiani», come risulterebbe da «evidenti lesioni lasciate sul corpo, con pugni ed un tentativo di strangolamento», il tutto refertato dai sanitari intervenuti sul posto (nella foto).

I guardiani sarebbero stati tre e – continua la deposizione del giovane – «dopo avermi malmenato, mi hanno impedito di scendere dalla barca». Le dichiarazioni sono al vaglio di chi indaga. I carabinieri stanno cercando di ricostruire la vicenda nei dettagli raccogliendo tutti gli elementi utili al caso.

A quel punto il giovane avrebbe telefonato al padre, che giunto sul posto, avrebbe dapprima «cercato di sedare gli animi» e poi si sarebbe «difeso da una persona che brandiva tra le mani una bottiglia». È stato quello il momento in cui il guardiano, M.C., 29enne residente nel Comune di Centola ma in servizio presso una cooperativa di gite in barca del posto, ha ricevuto una coltellata al petto che gli ha provocato una ferita lacero contusa che è stata medicata con alcuni punti di sutura dopo il trasferimento in ospedale.

Sull’ultimo episodio indaga la procura presso il Tribunale per i minori. Sulle ipotesi di lesioni e minacce a carico del giovane napoletano, invece, continua ad indagare la Procura di Vallo della Lucania e i carabinieri della stazione di Marina di Camerota.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019