Camerota, è giallo sulla morte del cuoco: disposta autopsia

di Luigi Martino

Sarà effettuata con molta probabilità mercoledì l’autopsia sul corpo di Antonio Capone, il 30enne di Casoria rinvenuto cadavere ieri pomeriggio, domenica, all’interno di una camera d’albergo in località Calanca a Marina di Camerota. Il giovane lavorava come aiuto cuoco presso la struttura ricettiva dove alloggiava. Sul posto sono giunti i carabinieri della locale stazione, guidati dal comandante Francesco Carelli, e le ambulanze inviate sul posto dalla centrale operativa del 118.

Le indagini

Antonio all’inizio del mese aveva iniziato a lavorare presso il noto albergo. Ieri, domenica, era il suo giorno di riposo e per l’intera mattinata non è stato visto uscire dalla camera da letto. Intorno alle 14, i dipendenti della struttura, preoccupati, hanno pensato di verificare come mai Antonio tardasse ad alzarsi. Hanno provato a contattarlo telefonicamente senza ottenere i risultati sperati. A questo punto si sono recati al piano superiore della struttura per sincerarsi delle condizioni del 30enne. Hanno bussato alla porta della sua camera ma nulla, dall’altro lato nessuna risposta. A questo punto hanno recuperato la chiave di riserva per accedere. Qui la macabra scoperta. Antonio era riverso sul letto, privo di vita. E’ stato immediatamente contattato il 118 e i carabinieri. Intanto un dottore che alloggiava presso l’hotel, ha provato a rianimarlo ma purtroppo il 30enne era già deceduto.

I primi accertamenti

Sul posto sono giunte le forze dell’ordine , il medico legale Adamo Maiese e il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica del tribunale di Vallo della Lucania. Gli inquirenti hanno interdetto l’area e hanno dato il via alle indagini. La camera è stata perquisita. Sull’esito della perquisizione vige massimo riserbo da parte dei carabinieri. Alcune persone sono già state ascoltate come la fidanzata del giovane. Al vaglio degli inquirenti anche il telefono cellulare della vittima. La salma è stata sequestrata e trasferita presso l’obitorio di Vallo della Lucania, in attesa di essere sottoposta all’esame autoptico. Si indaga anche sulla pista della droga.

La Procura di Vallo della Lucania ha aperto un fascicolo per verificare cosa possa aver causato la morte del ragazzo che, pare, godesse di buona salute. Il primo esame del corpo, eseguito dal medico legale, ha confermato che Capone è deceduto a seguito di un arresto cardiaco (probabilmente dopo un’embolia polmonare) ma cosa l’abbia determinato è tutto ancora da chiarire. La morte sarebbe avvenuta tra le 11 e le 13,30.

Appena dopo la drammatica scoperta nell’hotel è calato il velo del dolore all’interno dei quali ha dovuto farsi spazio, con discrezione, il lavoro dei carabinieri del capitano Fedocci della Compagnia di Sapri, a caccia di elementi utili per la risoluzione del caso.

Qualche ora prima

Sotto shock i colleghi e gli amici di Antonio. Il giovane, infatti, da diversi giorni frequentava i luoghi della movida del borgo costiero cilentano. Qualche sera prima dell’accaduto, ma anche la notte precedente, aveva alzato troppo il gomito e, in preda ai fumi dell’alcol, si era reso protagonista di piccole scaramucce e, in un’occasione, era anche stato allontanato. Secondo quanto ricostruito, Antonio, poche ore prima della tragica scoperta, era stato soccorso all’esterno dell’hotel dove lavorava. Erano circa le 6 di domenica. Anche in quell’occasione aveva bevuto troppo. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che quella sarebbe stata l’ultima alba per lui.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019