Camerota, Meeting del Mare a Lentiscelle. Ira dei commercianti: «Così noi non lavoriamo»

E’ tutto pronto per la seconda tappa del Meeting del Mare che si terrà tra Marina di Camerota e Ascea. La prima parte si è conclusa a giugno dove, nell’area spettacoli vicino al campo sportivo di Marina di Camerota, si sono esibiti i Verdena e lo Stato Sociale. Il Meeting del Mare durante il corso di tutta la sua storia, 19 anni, ha scelto sempre location differenti per le esibizioni sul porto di Marina di Camerota. Per la seconda parte di questa edizione, invece, l’organizzazione ha deciso di far esibire gli ospiti, in zona Lentiscelle a pochi passi dalla spiaggia. I commercianti non sono d’accordo e molti di loro hanno deciso di non dare nessun contributo per lo svolgersi dell’evento. Si inizia il 15 luglio con «Mediterraneo» di Andrea Manzi. Venerdì sera sarà la volta di Francesco Di Bella con Alfonso Bruno in «Ballads», una parentesi malinconica e struggente in cui Di Bella spoglia i suoi vecchi pezzi per esaltarne le trame melodiche e l’espressività. Questo concerto si terrà alla fine della spiaggia di Lentiscelle, in una location differente dagli altri concerti, vicino al cimitero di Marina di Camerota, in riva al mare. Sabato sera ospite una big della musica italiana: Carmen Consoli. Dopo il concerto annullato nella prima sessione della manifestazione, quella che sarà la protagonista della 19esima edizione, si esibirà con il suo ultimo disco: «L’abitudine di tornare». Enzo Avitabile e i Bottari delizieranno il pubblico domenica sera. Prima di loro, però, Jovine.  Il 24 luglio, a Marina di Ascea, si vira in direzione del rap con: Marracash, Cilento Rootz, Terza Classe. Prima di loro sul palco i più giovani: Leo In, Nostromo & Alti bassi, Only Smoke Crew, Vd Crew, Mk Sc Street, Trc, FrankMc, Mx, Trap Crew, J – Nick, Romans. 

La polemica
Al centro delle polemiche e del chiacchiericcio che in questi giorni che precedono l’evento si infittisce sempre di più nelle piazze e nei locali di Marina di Camerota, c’è, come anticipato, la scelta delle location da parte dell’organizzazione. La spiaggia di Lentiscelle è lontana dal centro abitato e dalle strade che la sera vengono invase dalla movida. «Spostare i concerti lì vuol dire allontanare la gente dai locali – affermano in modo univoco i commercianti – questi eventi dovrebbero aiutare chi non lavora per tutto l’inverno a guadagnare qualcosa in più quando Marina di Camerota viene invasa dai turisti, ma se il palco lo spostano lontano ci perdiamo tutti». Secondo i commercianti, infatti, il problema non è solo economico, ma anche logistico: «Per arrivare a Lentiscelle bisogna lasciare l’auto molte centinaia di metri prima e la strada per arrivare sulla spiaggia è tutta al buio». La via che costeggia località Poggio, infatti, è scarsamente illuminata. Molti turisti, come hanno fatto in occasione del concerto di Raf del tour di Radio 105, hanno rinunciato a raggiungere la spiaggia «perchè troppo lontana». «I turisti saranno lontani dai bar, dai negozi di souvenir, dal tabacchi, dai negozi di abbigliamento e da tanti altri punti vendita – chiosano i proprietari dei locali sul porto – saranno invece molto vicini ai lidi che lavorano di giorno e apriranno anche di sera svolgendo un’attività che non gli spetterebbe. Loro guadagnano il doppio in quei giorni e noi la metà». «E poi – svela il proprietario di un negozio – hanno avuto anche il coraggio di venire a chiedere contributi. Io il contributo lo do, ma solo quando sono sicuro che quella sera lo recupero lavorando onestamente».

©Riproduzione riservata