• Home
  • Sport
  • Si conclude la ‘Corsa del Mito’. Pietro Mennea:”Quest’evento ha rispecchiato la bellezza del territorio e dei cilentani”

Si conclude la ‘Corsa del Mito’. Pietro Mennea:”Quest’evento ha rispecchiato la bellezza del territorio e dei cilentani”

di Luigi Martino

Si è conclusa a Marina di Camerota la prima edizione della ‘Corsa del Mito’, evento promosso e organizzato dall’associazione ‘TuttInsieme’. La gara podistica alla sua prima edizione, ha sorpreso un po’ tutti sia per il numero di partecipanti, che per la sua ottima organizzazione in ogni minimo dettaglio.

La ‘Corsa del Mito’ di 11 km, si è svolta, appunto, sui sentieri del mito e sulle strade del Parco Nazionale del Cilento, tra lentisco, rosmarino e pini marini. Tra spiaggie assolate, un mare cristallino e profumi antichi. A tal proposito ha commentato lo spiker Marco Cascone:"Un paradiso terrestre, una terra incontaminata che oggi ha ospitato la prima edizione di una corsa che può aspirare a migliaia di partecipanti". Mario Scarpitta, presidente dell’associazione ‘TuttInsieme’, durante la gara esprimeva alcune considerazioni al microfono:" Penso che ci stiamo godendo un momento straordinario, che per noi deve diventare un punto di partenza". Poi ha passato la parola al testimonial dell’evento, Pietro Paolo Mennea:"Questa corsa rispecchia perfettamente la bellezza del territorio e della gente che ha il piacere di viverci, oggi sono contento di essere in mezzo a voi". Presente ad assistere alla corsa anche il sindaco di Camerota, Domenico Bortone, che ha prontamente consegnato un oggetto valido come riconoscimento all’associazione ‘TuttInsieme’.

Cronaca della gara

Alle 18.06, 152 atleti sono partiti da Piazza Virgilio a Palinuro, accompagnati dagli auguri e l’incoraggiamento di Pietro Paolo Mennea. Sul blocco di partenza si sono subito distinti gli atleti keniani: Erastus Kipkorir Chirchir e Kiprothic Meli. Al km 5 quasi a metà gara gli atleti kenyani, più il marocchino Benkadir, distaccavano il gruppo con circa 2 minuti di vantaggio. Al km 10 Erastus aveva un margine di vantaggio sul secondo, il connazionale Kiprothic Meli, di circa 1’50”. Alla fine del percorso, il più veloce è stato Erastus con un tempo da capogiro, 00:38:30 e con la media km di 00:02:57. Secondo è arrivato il kenyota Kiprotich Meli, con soli 4 secondi di ritardo e una media km quasi uguale 00:02:58. Il terzo posto se lo è aggiudicato il marocchino Bekadir con il tempo di 00:40:28 e la media km 00:03:07. Il primo residente a tagliare il tragurdo è stato il podista Esposito Pierantonio che si è classificato 26esimo, iscritto alla società Podistica S. Giovanni a Piro, con il tempo di 00:51:32 e una media km eccellente per un non-professionista, 00:03:58. La prima donna che ha superato il traguardo è stata Patella Cecilia, iscritta alla società ‘Libertas Agropoli’, con un tempo di 00:57:08.

La gara si è conclusa alle 19.30 ed è stata seguita dalla premiazione di tutti i partecipanti con una medaglia. Inoltre sono state consegnate le coppe e i premi in denaro ai vincitori e alcune targhe di riconoscimento per chi si è impegnato a dare vita a questa iniziativa.

 

 

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019