Campania: test ma nessun allarme per riapertura Regioni. Controlli per 3 mila

Infante viaggi

Misurazione della temperatura alla stazione, controlli a campione in autostrada, ancora scarsi gli arrivi in aereo e nave. E’ partita senza sussulti la circolazione tra le Regioni per quanto riguarda la Campania, che teme di importare contagi dal Nord. “Si poteva adottare un criterio, affermando che si può partire da una Regione se per un mese di seguito i nuovi contagi sono al di sotto delle 50 o 100 unità, ma ormai la decisione è presa, noi adottiamo controlli ma accogliamo i nostri concittadini che vengono da regioni più colpite con spirito fraterno” ha sottolineato oggi il governatore Vincenzo De Luca senza alimentare la tensione. Nessun test particolare ai caselli autostradali, dove la polizia ha effettuato dei posti di blocco con controlli a campione agli automobilisti, mentre un solo volo in arrivo all’aeroporto di Capodichino, quello da Roma delle 18.40, ha visto i passeggeri controllati con la misurazione delle temperatura corporea all’atterraggio. Lo scalo napoletano riprenderà un maggior ritmo nei prossimi giorni: oggi è stato annunciata la ripartenza dei voli Air France dall’8 giugno, con una ripresa graduale fino ad arrivare a fine mese a un volo al giorno per Parigi. Situazione calma anche ai porti campani con i controlli di routine per la nave proveniente dalla Sicilia.

Dalle regioni del Nord arriva solo un traghetto, al porto di Salerno, ma è un trasporto merci, senza passeggeri. “Lavoro a Roma e oggi torno a casa per rivedere i miei dopo tre mesi. Non vedevo l’ora. Appena è stato chiaro che si apriva allo spostamento tra regioni sono corsa a fare il biglietto. E’ davvero un’emozione. In treno eravamo distanziati e alla fine posso dire che il viaggio è anche più comodo”, racconta Elisabetta, una delle viaggiatrici arrivate a Napoli con il primo Frecciarossa arrivato in stazione stamattina. Il controllo alla stazione non ha trovato casi da approfondire.

  • Vea ricambi Bellizzi

La riapertura pesa anche sull’economia, in particolare del turismo che aspetta la ripresa: “Per avere una ripartenza del bisognerà aspettare l’apertura delle frontiere, dovrà tornare a regime l’aeroporto di Capodichino, e bisognerà investire sulla promozione del territorio”, afferma Antonio Izzo, presidente di Federalberghi Napoli, ricordando che al momento “le prenotazioni sono vicine allo zero, gli hotel aperti sono appena il 10% dell’offerta complessiva”.

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur