• Home
  • Attualità
  • Capaccio, Città Libera alla maggioranza: «Spettacolo indecente»

Capaccio, Città Libera alla maggioranza: «Spettacolo indecente»

di Redazione

Sull’adesione di Luca Sabatella alla maggioranza di Capaccio Paestum, interviene l’associazione “Città Libera” che definisce quanto accaduto «uno spettacolo indecente». Il consigliere comunale, esponente del Partito Socialista Italiano, ha aderito alla maggioranza comunale, guidata dal sindaco Franco Alfieri, dopo «un percorso di confronto costruito nel tempo», aveva spiegato Sabatella e i vertici provinciali del Partito.

«Chi vince le elezioni, governa. Chi le perde, fa opposizione, svolgendo il ruolo di controllo e proponendo l’alternativa. Questo succede in tutto il mondo. Tranne che a Capaccio Paestum. Qui da noi, chi vince le elezioni festeggia. Chi le perde, vince lo stesso e festeggia qualche tempo dopo passando con la maggioranza. Definire questo comportamento inqualificabile è dire poco. Eppure, un simile modo di fare e di vivere la politica e i ruoli elettivi pare essere diventato prassi. Oltre all’opinione pubblica e all’elettorato, i primi ad indignarsi per simili accadimenti dovrebbero essere innanzitutto i consiglieri di maggioranza che, dopo aver fatto una dura battaglia elettorale ed averla vinta, si ritrovano a dover condividere funzioni amministrative e ruoli istituzionali con chi nei comizi li definiva come il peggio del peggio. – spiega l’associazione nella sua lettera aperta – A Capaccio Paestum, ormai, sembra che nulla valga più».

«Non valgono più le norme, le leggi, i vincoli urbanistici. Il decadimento ha preso in sposa la peggiore delle mogli, l’indifferenza. Niente vale più. E così assistiamo, in pochi mesi, – aggiunge – al passaggio in maggioranza di ben 3 consiglieri comunali eletti nelle liste sconfitte. Gli stessi 3 consiglieri che passano anche, senza pudore, da Fratelli d’Italia al PD o al Partito Socialista. Tante sarebbero le cose da dire, ma due domande vorremmo rivolgerle direttamente al Sindaco Alfieri e ai 3 consiglieri transfughi», aggiunge l’associazione rivolgendosi direttamente ad Alfieri. «Sindaco, ma se in campagna elettorale aveva detto che nelle sue liste vi erano le competenze e le intelligenze per amministrare e che nelle altre vi era solo populismo e qualunquismo, come mai nei soli primi 2 anni ha reclutato 3 populisti e qualunquisti affidandogli deleghe e compiti e ponendoli come interlocutori privilegiati nel novero dei suoi consiglieri? Qual è la vera motivazione per la quale 3 consiglieri di opposizione sentono il bisogno di fare un passaggio politico ufficiale quando potevano benissimo rimanere dove il popolo li ha collocati votando esclusivamente le delibere che avrebbero condiviso ma continuando ad avere la libertà di controllare ed opporsi ad eventuali altri atti? Non ritengono di avere ingannato gli elettori utilizzandoli e poi facendo esattamente l’opposto?».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019