• Home
  • Politica
  • Opere pubbliche: L’amministrazione comunale fa il punto sui finanziamenti ottenuti e in arrivo

Opere pubbliche: L’amministrazione comunale fa il punto sui finanziamenti ottenuti e in arrivo

di Maria Antonia Coppola

L’Amministrazione comunale, attraverso il suo portavoce Carmine Caramante, fa il punto sulla attuale situazione dei finanziamenti che riguardano il comune di Capaccio Paestum sulle varie misure Por della Regione Campania, sugli interventi da realizzarsi in finanza di progetto e sugli altri fondi.

 

Area Pip

Contributo di euro 2 milioni (già finanziato con decreto regionale) attraverso il quale, in seguito all’approvazione di un nuovo regolamento, l’ente comunale sarà in grado di abbassare considerevolmente il costo di ogni singolo lotto, favorendo l’insediamento di nuove realtà produttive nell’area.

 

Rete dei sottoservizi (fognature)

Finanziamento di euro 4,7 milioni (approvato, in attesa di decreto regionale) con il quale si realizzerà il progetto di completamento dell’intera rete fognaria del territorio comunale.

 

Metanizzazione

Stanno per partire i lavori sul territorio comunale. Sono state già espletate le procedure di gara per l’affidamento e la direzione dei lavori.

 

Piscina comunale a Capaccio Scalo

Finanziamento di euro 1,8 milioni (approvato con graduatoria) con il quale sarà realizzato un complesso natatorio al centro di Capaccio Scalo, nell’area adiacente la nuova palestra comunale.

 

Polo culturale e bibliotecario a Capaccio Scalo

In attesa di inizio dei lavori, realizzato attraverso procedura di project financing (pubblico-privato), prevede l’edificazione di una struttura polivalente di tre piani (auditorium, biblioteca multimediale, sportelli ed uffici) e complessivi 4.000 mq di standard, a fronte del ristoro ai privati di un numero congruo di unità immobiliari nello stesso comparto.

 

Concorso Internazionale d’Idee per Paestum

Procedura concorsuale conclusa. A breve, sarà dato mandato per la progettazione definitiva/esecutiva al gruppo vincitore. Con la somma prevista dal bando (circa 1 milione di euro) sarà realizzato l’intervento indicato dall’idea-progetto prima classificata, che riguarderà l’area del centro di Torre di Mare, con un’operazione di riqualificazione dell’esistente e la costruzione di un’area espositiva e polifunzionale in materiali leggeri ed ecocompatibili all’interno della villa comunale “Sant’Anna”.

 

Sentieristica comunale nell’area ricadente nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Attraverso il bando per il recupero e la riqualificazione delle aree protette (Pirap), l’ente comunale è in attesa di ricevere, a breve, euro 251mila per recuperare e rendere fruibili i sentieri ricadenti nell’area collinare del Capoluogo.

 

Campo sportivo a Capaccio Capoluogo

Euro 130mila (già finanziati) per lavori di adeguamento del campo sportivo “Tenente Vaudano”.

 

Accordo di Reciprocità (Adr) “Sele-Paestum”

In attesa di pubblicazione della graduatoria definitiva (complessivi euro 70 milioni). Previsti interventi riguardanti i comuni della fascia costiera (Capaccio Paestum, Eboli e Battipaglia) inerenti il fronte mare, la fascia pinetata, i sottoservizi e le reti, nonché opere di riqualificazione e recupero e una serie di progetti immateriali per la promozione e la valorizzazione dei territori.

 

Tavolo Istituzionale Locale (Til) “Magna Graecia”

In attesa di pubblicazione della graduatoria definitiva (complessivi euro 10 milioni). Previsti interventi materiali ed immateriali per il recupero, la riqualificazione, la promozione e la messa in rete di siti di valenza archeologica, storica e culturale. Per quanto concerne il comune di Capaccio Paestum, sono previsti euro 1,2 milioni per il recupero funzionale dell’ex fabbrica Cirio da adibire a centro polivalente ed espositivo; euro 250mila per il recupero della Fontana dei Delfini e della scalinata del centro storico del Capoluogo; vari progetti immateriali per eventi e messa in rete del sistema informativo.

 

 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019