• Home
  • Sport
  • Lombardi risponde al sindaco. I tifosi reclamano:”Giù le mani dalla Salernitana”

Lombardi risponde al sindaco. I tifosi reclamano:”Giù le mani dalla Salernitana”

di Luigi Martino

Lombardi risponde al Sindaco:”Per l’Arechi spesi meno di tre milioni di euro”

“Per l’adeguamento dello stadio Arechi di Salerno alle normative anti violenza,  il Comune si e’ accollato una cifra pari a 3 Milioni di euro. Con la stessa cifra, avremmo potuto costruire sei asili nido”. Parole e musica di Vincenzo De Luca.

Continua,  dunque,   il botta e risposta tra il sindaco De Luca ed il presidente della Salernitana, Antonio Lombardi. A seguito delle dichiarazioni e contro dichiarazioni fornite in settimana dalle parti,  le stesse tra la giornata di ieri e quella di oggi, non hanno mancato l’appuntamento a furia di  comunicati mediatici e quant’altro: Lombardi in merito alle dichiarazioni su riportate,  del Sindaco De Luca ha emesso un nuovo comunicato,  smentendo di fatto le cifre  rese note dal primo cittadino per i lavori di adeguamento dello Stadio Arechi alle normative in vigore.

Di seguito riportiamo in modo integrale il comunicato del presidente Lombardi,  in risposta alle nuove dichiarazioni rilasciate dal primo cittadino,  in una nota emittente locale,  ieri pomeriggio:

La Salernitana calcio 1919 riteneva, con la nota del due giugno, di aver chiuso ogni antipatica contrapposizione con il sindaco di Salerno, dottor Vincenzo De Luca. L’apertura ad un franco e costruttivo confronto con il primo cittadino testimoniava la lampante volontà di instaurare un rapporto di fattiva collaborazione, teso esclusivamente a determinare le condizioni per una proficua prosecuzione dell’attività della squadra di calcio della nostra città. Rimane intatta la disponibilità per un nuovo corso pur di fronte alle ultime affermazioni del dottor De Luca, che purtroppo richiedono una doverosa precisazione da parte della Salernitana calcio 1919.
Il sacrificio economico sopportato dall’amministrazione comunale per adeguare alle norme di sicurezza lo stadio Arechi – impianto sportivo la cui proprietà appartiene allo stesso ente! – non è di “tre miliardi delle vecchie lire, con cui avremmo potuto costruire cinque asili nido”, così come spavaldamente annunciato dal signor sindaco.
La Salernitana calcio 1919, a seguito di una doverosa documentazione, precisa che il Comune di Salerno ha pubblicato due bandi relativi all’adeguamento alle norme di sicurezza dello stadio Arechi, entrambi di quasi mezzo milione di euro. Il primo, finanziato con fondi regionali, è stato aggiudicato per l’importo di 345.867 euro; il secondo, finanziato con mutuo del Credito Sportivo con contributo regionale, è stato aggiudicato per l’importo di 311.368 euro. L’onere sopportato dalle casse comunali è, dunque, di circa 650mila euro netti, a fronte del quale va registrato un contributo, non proprio irrilevante, di 750mila euro erogato dalla Regione Campania. Effettuata una semplice operazione aritmetica verrebbe da dire che il dottor De Luca può tranquillamente dedicarsi alla costruzione degli asili nido.
La Salernitana calcio 1919 affida al buon senso generale ogni tipo di considerazione sull’argomento e ribadisce di bandire ogni vena polemica, pur dichiarandosi stupefatta al cospetto di dichiarazioni palesemente inesatte.
Addolorata a causa di questi controproducenti inconvenienti, la proprietà della società conferma in ogni caso la totale dedizione al superamento degli ostacoli che si frappongono verso la prosecuzione dell’attività della squadra di calcio.

Moxedano ringrazia e saluta. Lombardi resta da solo


Moxedano, ex presidente del Savoia,  rifiuta cordialmente la proposta di acquisizione di una parte del  pacchetto azionario della Salernitana,  divenuta ormai la bella veneziana, offerta a destra ed a manca,  lasciando il costruttore di Vallo, solo con il fardello dell’iscrizione. Di mister “x”,  qualora esistesse davvero,  Lombardi non da’ cenno,  logico allora attendersi dall’imprenditore di Vallo,  l’ottemperanza agli obblighi relativi all’iscrizione. Il Ds Salerno, sulla strada dell’addio,  da giorni e’ in contatto con i calciatori che sembrano esser disposti a firmare le liberatorie,  venendo incontro alla societa’. Cio’ che maggiormente preoccupa per l’iscrizione al campionato,  e’ l’istanza di rateizzazione con l’Erario per il pagamento delle ritenute Inps ed Irpef ed infine il pagamento dei contributi Enpals e di fine carriera. Il termine improrogabile e’ fissato per il 26 Maggio,  intanto Lombardi tra sceicchi e mister “x”,  non ha ancora dato una risposta definitiva all’interrogativo relativo al futuro della squadra granata. Eppure di questi tempi c’e’ chi sceglie allenatori,  gettandosi a capofitto nel calcio mercato per delineare le strategie future. Programmi,  disposizioni organizzative che costituiscono la regola nel mondo del calcio,  in cui la Salernitana costituisce la triste eccezione.

Comunicato del CCSC:”Giu’ le mani dalla Salernitana”

GIU’ LE MANI DALLA SALERNITANA………noi tifosi tutti non facciamo politica e sicuramente non vogliamo che la politica strumentalizzi la SALERNITANA .
Sono passati esattamente trenta giorni dall’incontro che il CCSC ha tenuto con il DOTT. LOMBARDI nel maggio scorso. Sono scaduti ampiamente i tempi ai quali lui stesso aveva fatto riferimento,anzi sono raddoppiati e nulla di nuovo bolle in pentola.
La misura è ormai colma.
Dottor Lombardi è l’ennesima promessa disattesa?
Perchè invece di esternare a destra e a manca su eventuali condizionamenti della tifoseria granata,non ci illumina sui programmi futuri?
Andiamo in ordine: la questione iscrizione alla lega pro è stata risolta? Se si ce lo dica,se no(come sembra visto il silenzio)si dia da fare,le scadenze incombono e i giorni passano inesorabilmete.
E non si parla assolutamente di un minimo di programmazione,si sta allestendo una squadra?
C’è un progetto tecnico o
sarà un’altra disfatta?
Avremo almeno quest’anno una sede dove svolgere il ritiro precampionato?
Avremo un campionato?Siamo stufi di bugie e mezzucci,le sue PROMESSE VENGONO PUNTUALMENTE DISATTESE,quanti deferimenti,penalizzazioni e sanzioni dovremmo ancora annoverare nel nostro palmares??
Ancora non riusciamo a digerire una retrocessione infamante,vergognosa,umiliante,penosa,siamo stati derisi e insultati in ogni campo d’ITALIA,ma mai ,neanche una volta è mancato il nostro apporto,il nostro amore per la compagine granata,quello no,quello non è mai stato messo in discussione.
Almeno l’amore per SALERNO non è riuscito a toglircelo caro dottor Lombardi.
CI saremmo aspettati un alacre lavoro e impegno al di la di ogni ragionevole dubbio per cercare di riscattare il disastro 2009/2010 e invece?Andiamo sempre peggio,senza chiarezza,senza nessuna certezza sul futuro.
E davvero non avevamo bisogno delle esternazioni del suo amico Dottor Cirielli,che per darle man forte non ha fatto altro che gettare benzina sul fuoco.
Ma signor presidente della PROVINCIA, come le viene in mente di dire e pensare che i tifosi della Salernitana sono strumentalizzati dal sindaco di SALERNO De luca o da chiunque altro?
E’ consapevole delle sue affermazioni? Mai nulla di più falso.Noi abbiamo un unico e solo condizionamento ed è dal 1919 sempre lo stesso: l’amore per la nostra squadra del cuore,dei nostri colori e di tutto ciò che salerno rappresenta per i suoi cittadini.
Certo non accettiamo lezioni da LEI,signor presidente CIRIELLI,non si permetta di infangare la tifoseria,non lo meritiamo e lei non ha assolutamente la competenza per giudicare la nostra fede. Data per certa e scontata la sua grande professionalità e bravura politica,dobbiamo bacchettarla sulla sua competenza calcistica,non è certo il Sindaco DE LUCA ad aver contribuito alla retrocessione della salernitana,non ci risulta che il nostro sindaco(per altro lui sicuro e primo tifoso della Salernitana) abbia messo gli scarpini e sia sceso in campo il sabato a giocare.
La verità è sempre la stessa,la squadra era scarsa,i disastri sportivi sono da attribuire solo e soltanto al massiomo esponete della compagine granata Antonio Lombardi,quindi Dottor Cirielli,nel caso davvero abbia a cuore le sorti della Squadra della provincia che lei ha l’onore di presiedere,ci faccia una cortesia,non remi contro e lasci ad ognuno i propri compiti,a noi tocca sostenere la squadra sempre e comunque,lei faccia il presidente della provincia e se un giorno chissà tiferà per la Salernitana avremo il piacere e l’onore di annoverarla tra i nostri sostenitori,per ora sostenga la sua squadra del cuore e lasci in pace noi tifosi che mai come quest’anno siamo risultati l’unica componente sana e vincente di SALERNO. SEMPRE FORZA SALERNITANA

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019