Castellabate, vicesindaco investe e uccide: «Non mi sono accorta di nulla». Venerdì l’autopsia

Le telecamere del grande schermo hanno reso noto Castellabate grazie al successo del film ‘Benvenuti al Sud’. Ora il piccolo comune cilentano continua a far parlare di se e dai filmati cinematografici si passa a quelli del sistema di videosorveglianza comunale che hanno incastrato il vicesindaco, Luisa Maiuri. La storia è ormai nota: martedì intorno alle 18, un’Audi A5 guidata da Luca Ippolito, direttore della Bcc di Castellabate, ha investito Giuseppe Spinelli, pensionato del posto di 88 anni. L’uomo è caduto a terra e dopo pochi secondi è stato investito per la seconda volta e ucciso dall’Alfa Romeo Giulietta bianca del «numero due» dell’amministrazione del sindaco Costabile Spinelli. Una tragedia nella tragedia sulla ex strada statale 267, ora via del Mare che collega le frazioni San Marco e Santa Maria. Luisa Maiuri, in politica da diversi anni, si allontana senza prestare soccorso alla vittima. Dopo l’incidente sono stati i carabinieri di Santa Maria a farle visita a casa. Era sola, il marito a Salerno per lavoro.

Lei non risponde al telefono da quella sera. Non parla con la stampa e, quindi, non rilascia dichiarazioni. Ha depositato la sua testimonianze soltanto nella caserma dei carabinieri di Santa Maria di Castellabate e nell’ufficio del suo avvocato, Attilio Tajani. Il legale ricostruisce in questo modo la vicenda: «Secondo quanto deposto dalla mia assistita davanti ai carabinieri della locale stazione – racconta Tajani – lei non si è accorta di nulla nella maniera più assoluta e dopo che ha investito il povero Spinelli ha continuato la sua corsa perchè pensava che sotto le ruote della propria automobile c’era finito un animale o un tronco oppure un oggetto caduto da un autocarro. Una volta giunta in paese – continua il legale – la Maiuri è venuta a conoscenza della vicenda e visto che si parlava di una Giulietta bianca, le è venuto il sospetto e solo in quel momento ha pensato che potesse essere lei quella che aveva investito l’anziano. Ha deciso di telefonare il marito che era a Salerno per farsi accompagnare dai carabinieri – conclude l’avvocato – ma appena è rientrata a casa per aspettare il consorte per recarsi in caserma, le forze dell’ordine sono andata da lei». Il vicesindaco ha giurato e ha fatto mettere a verbale ai carabinieri che lei non era assolutamente a conoscenza del fatto. Ma le dichiarazioni dell’avvocato hanno fatto infuriare il web.

 L’automobile della Maiuri è posta sotto sequestro e i carabinieri le hanno ritirato anche la patente di guida. Sul fatto indaga la procura di Vallo della Lucania che, per il momento ha iscritto la Maiuri e Ippolito nel registro degli indagati con l’accusa di concorso in omicidio colposo con l’aggravante, per la sola vicesindaco, di omissione di soccorso. Subito dopo la tragedia, dopo l’arrivo del magistrato di turno, il procuratore aggiunto Alfredo Greco e il medico legale Francesco Lombardo, il corpo senza vita di Giuseppe Spinelli è stato trasferito nell’obitorio dell’ospedale ‘San Luca’ di Vallo. A disposizione del magistrato il quale, mercoledì mattina, dopo un primo esame esterno della salma, ha disposto anche l’autopsia fissando l’esame per venerdì mattina. Esame al quale parteciperà anche un perito della famiglia Spinelli, il medico legale Gerardo Sodano. È necessario infatti stabilire una cosa molto importante: capire se Spinelli sia morto sul colpo dopo il primo impatto oppure se a causargli la morte sia stato il secondo investimento avvenuto ad opera del vicesindaco.

Cordoglio alla famiglia di Giuseppe Spinelli e al vicesindaco da parte del sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli, dal deputato di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli e dall’associazione italiana ‘Familiari e vittime della strada’. 

©Riproduzione riservata