• Home
  • Cronaca
  • Lunedì la presentazione del servizio di guardie ambientali dell’Empa

Lunedì la presentazione del servizio di guardie ambientali dell’Empa

di Federico Martino

Un servizio di guardie ambientali che vigila sul rispetto delle norme di tutela del territorio, per la salvaguardia degli habitat della flora e della fauna e degli equilibri ecologici. Lo ha attivato il Comune di Castellabate, stringendo un’apposita convenzione con l’Empa, Ente mediterraneo protezione animali, lunedì 8 febbraio sarà presentato ufficialmente il servizio di vigilanza, l’appuntamento è alle ore 18 nel Castello dell’Abate.
Interverranno Costabile Maurano, sindaco di Castellabate, Amilcare Troiano, presidente del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Renato Alvino, presidente nazionale Empa, Riccardo Feo, vicepresidente nazionale Empa, Salvatore Livorno, direttore generale Empa.
L’Ente mediterraneo protezione animali è un’onlus salernitana che nasce per volontà dei fondatori Renato Alvino e Salvatore Livorno, figure storiche della vigilanza zoofila e ambientale della Campania. L’ente, che oggi conta circa 2.000 iscritti in tutta la regione, opera per la salvaguardia del benessere animale e per la vigilanza ambientale. Ha ricevuto per la sua attività anche numerosi riconoscimenti. Nella sua azione si affianca a figure specializzate, come i docenti  delle scuole di ogni ordine e grado, al fine di divulgare la cultura del rispetto dell’ambiente.
Attraverso i suoi volontari interviene, però, anche quando le norme basilari per il rispetto della natura risultano disattese, compresa l’inosservanza delle regole che i Comuni hanno attivato per la raccolta differenziata. In questi casi, scatta un’opera di prevenzione e repressione dei reati sotto il diretto coordinamento del Comando di polizia municipale. Le guardie decretate dell’onlus spesso sono delegate anche dall’autorità giudiziaria per le attività di indagini.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019