Celle di Bulgheria, wifi gratuito nel centro del paese e nel rifugio in montagna

Internet gratuito e veloce nel centro del paese a celle di Bulgheria ma anche nel rifugio del Bulgheria a 1200 metri di altezza. Il servizio, reso possibile dai finanziamenti dell’Unione Europea, è stato annunciato dal sindaco Marotta.

di Antonio Vuolo

Wifi gratuita in paese e ad alta quota. E’ stata inaugurata nel Comune di Celle di Bulgheria una rete wifi gratuita per i cittadini. E’ stata realizzata con un voucher di quindicimila euro concesso dall’Unione Europea nell’ambito del progetto “Wifi4EU”. Il Comune cilentano, guidato dal sindaco Gino Marotta, ha creato sette hotspot: presso la sede municipale in via Canonico De Luca (un punto di accesso esterno e due interni), in piazza “Umberto I” e nel parco “Giovanni Paolo II”. E poi nel parco “Santa Sofia” nella frazione Poderia e sul Monte Bulgheria, nel rifugio del Comune, a 1200 metri di altezza.

Le reti sono gratuite, senza pubblicità e non raccolgono dati personali. E la loro operatività dovrà essere assicurata per un periodo minimo di tre anni. Le risorse inviate dall’Europa sono state utilizzate per affrontare le spese relative alla parte hardware (apparecchiature necessarie all’installazione di impianti WiFi), mentre il Comune si è fatto carico dei costi di manutenzione e delle spese relative agli abbonamenti telefonici.

«Un importante passo in avanti per lo sviluppo tecnologico del nostro Comune – ha spiegato il sindaco Gino Marotta – con questo finanziamento abbiamo offerto gratuitamente ai cittadini un servizio utile e fondamentale. Tra i vari luoghi scelti per la rete wifi abbiamo inserito anche il rifugio “Tozzo del Moio” sul monte Bulgheria. Questo per offrire, anche agli escursionisti, un servizio indispensabile, sia per le normali comunicazioni, sia per eventuali emergenze. Questo intervento contribuisce notevolmente – ha concluso Marotta -ad arricchire il processo di ammodernamento che già è in atto da alcuni anni a Celle di Bulgheria e nella frazione Poderia».

©Riproduzione riservata