Centola, abusivismo edilizio: il Parco ordina la demolizione

Infante viaggi

di Luigi Martino

Il Raggruppamento carabinieri Parco, del comando di stazione di Pisciotta, ha accertato, la realizzazione di abusi edilizi nel Comune di Centola. Dagli accertamenti effettuati è emessa la realizzazione di un manufatto (di circa 75 metri quadri per una volumetria di circa 247 metri cubi.) adibito a deposito, con 8 aperture esterne complete di infissi in alluminio, sopraelevato dal piano di campagna da un massetto cementizio di circa 120 metri quadri, con copertura a due falde in pannelli di lamiera zincata, internamente allo stato grezzo (privo di impianti e pavimentazione) ed esternamente rifinito e tinteggiato. Inoltre erano stati costruiti 2 portici posti lateralmente al manufatto.

  • Vea ricambi Bellizzi

L’opera in questione è stata realizzata in un’area inserita nella Zona C2 del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni stabilita dal Piano del Parco e in assenza di qualsivoglia autorizzazione. Per questi motivi il Parco ha ordinato al proprietario del terreno, la demolizione delle opere abusive e il ripristino dello stato dei luoghi nel termine di 90 giorni a decorrere dalla data di notifica dell’ordinanza. Dei fatti è stato informato il Comune di Centola-Palinuro, i carabinieri della locale stazione e la procura della Repubblica di Vallo della Lucania.

©Riproduzione riservata

  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido Urlamare Palinuro