Centola, sindaco vieta botti: «Se volete festeggiare aiutate chi ha bisogno»

“Niente botti e fuochi d’artificio, se volete festeggiare aiutate chi ha bisogno”. Anche il sindaco di CentolaPalinuro, Carmelo Stanziola, ha aderito alla campagna anti botti sostenuta da numerose città italiane.  “Far esplodere i petardi non è solo un pericolo per le persone – spiega Stanziola – ma una crudeltà nei confronti di tutti gli animali”. E aggiunge. “Il mio consiglio è risparmiare i soldi per i botti ed investirli in solidarietà. Mai con in questo momento ci sono tante famiglie che hanno bisogno di aiuto. Facendo del bene si trova la vera felicità”. Il sindaco Stanziola si dimostra anche animalista convinto. “Ogni anno migliaia di animali, soprattutto cani e gatti, muoiono a causa dei botti – spiega il sindaco – questa non è una festa, è crudeltà. Non è possibile continuare così. Con i soldi che avreste speso per i botti, magari, acquistate anche qualche scatoletta in più per i cani e i gatti randagi. La civiltà di un popolo si misura anche dal modo in cui tratta gli animali”. Intanto Stanziola ha firmato un’ordinanza che vieta “l’accensione ed i lanci di fuochi d’artificio, lo sparo di petardi, lo scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici”. “Nessuna deroga è concessa – sottolinea il primo cittadino – anzi ho chiesto alle forze dell’ordine di essere intransigenti”.

©Riproduzione riservata