• Home
  • Comuni
  • Agropoli
  • Chi l’ha visto, l’appello di Gerardo: «Devo andare alle origini per capire cosa è successo»

Chi l’ha visto, l’appello di Gerardo: «Devo andare alle origini per capire cosa è successo»

di Marianna Vallone

E’ stato lanciato da “Chi l’ha visto?” l’appello di Gerardo, nato ad Agropoli nel 1991, per ritrovare la sua famiglia naturale. Prima di essere adottato da Giuseppina e Bartolomeo, Gerardo ha vissuto un anno in un istituto per bambini abbandonati. Delle sue origini conosce poco o niente. Gerardo sa solo di essere venuto al mondo il 10 marzo di trent’anni fa ad Agropoli, nel Cilento. Per scoprire di più sul suo passato e sul perché i genitori biologici abbiano deciso di abbandonarlo, ha chiesto l’aiuto della trasmissione condotta da Federica Sciarelli.

Ora vive ad Angri, ma è nato ad Agropoli nel 1991. Nel 2006 un dramma si abbatte nella sua vita, è lui a scoprire che la madre Giuseppina ha avuto un infarto fulminante nel sonno a 43 anni. Così la vita di Gerardo, a 15 anni, cambia per sempre. SI rifugia nella musica, nei suoni: «Mi aiutano a scaricare la tensione». La sua non è una condizione facile perché disabile dalla nascita, ma ha grandi sogni, quello di diventare un dj.

Intanto Gerardo è a “Chi l’ha visto?” – nella puntata trasmessa il 9 giugno – perché cerca le sue radici, la sua famiglia di origine. «Da un po’ di tempo ho questa esigenza – dice Gerardo – di sapere perché sono stato messo in questo orfanotrofio, perché non hanno potuto tenermi. Mi manca un pezzo del puzzle». Da qui la decisione di scrivere alla trasmissione, anche grazie a Vera, la sua Tata, da dieci anni nella sua vita. E’ lei a convincerlo e ad accompagnarlo a Roma negli studi Rai.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019