• Home
  • Cronaca
  • Cilento, coloranti per smascherare i furbetti dell’inquinamento: imprenditori nei guai

Cilento, coloranti per smascherare i furbetti dell’inquinamento: imprenditori nei guai

di Luigi Martino

Conclusa l’operazione che ha interessato diverse aziende zootecniche della Piana del Sele e del Cilento portata avanti dai carabinieri e dal nucleo provinciale guardie ambientali ‘Accademia Kronos’ per controllare la corretta gestione degli effluenti zootecnici ed il corretto smaltimento delle diverse tipologie di rifiuti prodotti in ambito aziendale. Oltre a numerose prescrizioni, i militari grazie all’ausilio di specifici coloranti in dotazione al personale volontario, sono riusciti ad individuare le modalità attraverso le quali alcuni imprenditori smaltivano illecitamente il percolato prodotto a seguito della maturazione del silomais ma anche le acque reflue derivanti dalle operazioni di lavaggio delle attrezzature presenti nelle sale mungitura.

Al termine delle operazioni venivano sottoposte a sequestro alcune tubazioni abusive e denunciati i titolari di alcune aziende zootecniche per illecito smaltimento di rifiuti speciali pericolosi (taniche contenenti acidi, solventi, fanghi delle vasche a servizio delle sale mungitura, etc.) ma, anche rifiuti speciali non pericolosi ed in particolare il percolato prodotto dalla maturazione del silomais che dopo aver raggiunto dei canali aziendali si riversava nel fiume Calore.

Durante uno dei controlli grazie al tempestivo intervento del personale dell’Arma dei Carabinieri e di un operatore del Nucleo Guardie AK, veniva posto in salvo un cane meticcio caduto all’interno di un lagone completamente colmo di liquami. Il povero cane ormai disorientato ed allo stremo delle forze, una volta messo in sicurezza e rifocillato, faceva rientro dalla sua padrona.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019