• Home
  • Cronaca
  • Cilento, un anno fa la morte di Peppe Tarallo: il ricordo del figlio Pasquale

Cilento, un anno fa la morte di Peppe Tarallo: il ricordo del figlio Pasquale

di Antonio Vuolo

Un anno fa volava in cielo Giuseppe Tarallo, già sindaco di Montecorice e presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, di cui ne fu tra i principali promotori. Una vita spesa in politica e contrassegnata dall’amore per la sua terra, difesa da ogni forma di speculazione ambientale. Tante le sue battaglie, come l’abbattimento dell’ “ascensore della camorra” a Castellabate.

A ricordarlo, a un anno dalla morte, è il figlio, Pasquale: «Non è semplice, per me, trovare le parole per ricordarlo. In verità io non ho ancora elaborato a pieno la sua dipartita. E questo, anche perché lo sento ancora presente fisicamente accanto alla mia persona, alla mia famiglia e nei luoghi che lui ha tanto amato e difeso. Forse in questo momento avrebbe piacere di essere ricordato, più di ogni cosa, come un nonno amorevole e innamorato dei propri nipoti. Come un amico su cui contare sempre. Come un padre affettuoso. Un amante del Mare, della buona cucina. Un appassionato di cure e rimedi naturali. Come una persona di grande cultura, un umanista, un ecologista. Un visionario. Come un cittadino attivo. Gli ultimi suoi giorni  li ha dedicati a far vedere a tutti quanto è bello vivere e come si è fortunati a vivere in posti come Montecorice. Prima del ricovero scattò e pubblicò decine e decine di foto di vedute panoramiche di Agnone, delle Ripe Rosse e Baia Arena in particolare».

Il figlio, titolare di un noto ristorante ed ex vice sindaco del comune di Montecorice, ricorda poi: «Tutto è nato qui. Il Cilento, il Parco Nazionale è nato qui. 40 anni fa dei giovani affrontarono a muso duro la più bieca speculazione edilizia e vinsero. Il resto è storia. Forse anche per questo chi condivise quelle battaglie avrebbe voluto che la pineta di Baia Arena venisse intitolata a Giuseppe Tarallo. La petizione lanciata on-line aspetta da quasi un anno la risposta dal Parco (che gli ha dedicato ed intestato la nuova aula consiliare). L’Amministrazione comunale di Montecorice invece nulla. Il nulla».

Giovedì 24 marzo alle ore 18.30 nella Chiesa della SS Madonna del Carmine di Agnone Cilento verrà celebrata la Messa in suffragio. «Ringrazio fin da ora, a nome della Famiglia Tarallo, Tutti quanti abbiano avuto, hanno ed avranno un pensiero per papà», conclude Pasquale.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019