Coperta la frase di Franco Arminio a Sala Consilina. Sindaco: «Serviva l’autorizzazione»

E’ stata coperta con dei fogli bianchi, la frase lunga 33 metri apparsa questa mattina su un muro in via Mezzacapo a Sala Consilina. Non un messaggio minaccioso né offensivo, ma un invito a tornare ai luoghi d’origine. «Tornate, non dovete fare altro, qui se ne sono andati tutti specialmente chi è rimasto», era stato scritto sui manifesti affissi alla parete. L’iniziativa non è piaciuta all’amministrazione comunale salese che ha deciso di censurare la dedica d’amore per la città, tra l’altro scritta dal poeta e paesologo Franco Arminio. «Chi vuole appendere dei manifesti deve chiedere l’autorizzazione. – ha detto il sindaco Francesco Cavallone – Questi sono stati rimossi, è anche la Polizia Municipale che interviene». «Non è una censura. Sono piuttosto i giovani che devono rispettare le norme principali e basilari».

Le interviste di Pasquale Sorrentino

Il servizio di Pasquale Sorrentino


©Riproduzione riservata