• Home
  • Sport
  • L’U.S. Agropoli cerca il passaggio di turno con la Giffonese. Ingresso 5 euro, il presidente Adinolfi spiega i motivi

L’U.S. Agropoli cerca il passaggio di turno con la Giffonese. Ingresso 5 euro, il presidente Adinolfi spiega i motivi

di Luigi Martino

Si gioca oggi alle ore 16.00 la terza ed ultima giornata di Coppa Italia che vedrà affrontarsi allo Stadio Raffaele Guariglia l’Agropoli e la Giffonese. Sarà la prima uscita ufficiale dei delfini sul proprio campo, dopo il rinvio della prima gara di campionato contro lo Striano. Contrariamente a quanto supposto nei giorni scorsi, il biglietto d’ingresso allo stadio per la gara di Coppa sarà di 5 euro. A spiegare i motivi di questa scelta è il presidente Carmine Adinolfi: "Avevamo intenzione di concedere l’ingresso gratuito ai tifosi per tutte le gare casalinghe di Coppa Italia – afferma il massimo dirigente dei delfini -. Tuttavia in questi giorni molti sostenitori ci hanno contattato manifestando la propria volontà di contribuire a sostenere la squadra fin dalla prima gara di Coppa Italia. Così, abbiamo deciso di fissare il prezzo del biglietto a 5 euro, la stessa cifra degli scorsi anni in linea anche con i prezzi imposti dalle altre società di Eccellenza sui rispettivi campi. Comunque noi saremo sempre disponibili e aperti alle richieste dei tifosi per regolare al meglio l’accesso allo stadio in occasione degli incontri casalinghi". Intanto, continua la campagna abbonamenti. In meno di due settimane sono oltre un centinaio le tessere vendute. Per tutti i sostenitori che volessero acquistare un abbonamento (costo 50 euro), è stato fissato un punto vendita ufficiale dell’U.S.Agropoli. Si tratta della libreria Edicolé Mondadori nella centralissima piazza Vittorio Veneto ad Agropoli.

fonti:www.infoagropoli.it

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019