• Home
  • Cronaca
  • Coronavirus, donate 1500 uova pasquali ai più bisognosi

Coronavirus, donate 1500 uova pasquali ai più bisognosi

di Luigi Martino

Mentre prosegue la raccolta fondi per donare un ecografo portatile all’Azienda Ospedaliera Universitaria OO.RR. San Giovanni di Dio Ruggi d’Aragona di Salerno, iniziativa solidale di cui OPEN si è fatta portavoce, la Onlus salernitana promuove una versione rinnovata del consueto appuntamento legato alle uova di Pasqua. «Anche OPEN resta a casa ma non ci fermiamo – spiega il Presidente Anna Maria Alfani – vero è che non ce la siamo sentiti, dato il delicato momento storico, di attivare la nostra consueta campagna legata alla Pasqua. Abbiamo deciso invece di regalare le uova di cioccolata, già acquistate per la raccolta fondi, a chi, oggi, vive in condizioni di grave disagio, economico e sociale». OPEN onlus ha deciso di regalare circa 1.500 uova all’associazione Venite Libenter Banca Degli Abiti, al Comune di Salerno – politiche sociali, alla Caritas di Napoli, alle parrocchie e case famiglia di Napoli e Salerno.

«Con spirito di solidarietà abbiamo preferito fare anche noi la nostra parte – conclude la Alfani – grazie di cuore a tutti i nostri storici sostenitori che comunque avrebbero voluto le nostre uova. Quest’anno è andata così, felici di portare un messaggio di augurio, di dolcezza e di allegria a tanti bambini e a tante famiglie. Nel frattempo, è ancora possibile effettuare una donazione per contribuire all’acquisto dell’ecografo portatile per il Ruggi che servirà per l’ecografia del torace dei pazienti affetti da Covid-19, quale esame diagnostico più sensibile rispetto alla radiografia del torace, predittiva della necessità di intubazione. La sua acquisizione è molto importante in questa contingenza specifica, poiché consente di eseguire le ecografie polmonari, senza muovere i pazienti, ma spostando direttamente l’apparecchio da letto a letto. Il macchinario, a fine emergenza, rimarrà a disposizione della radioterapia.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019