• Home
  • Comuni
  • Agropoli
  • Coronavirus, scuole e negozi chiusi: Agropoli in ansia per esito tamponi

Coronavirus, scuole e negozi chiusi: Agropoli in ansia per esito tamponi

di Redazione

Sono ore di attesa per la città di Agropoli. Dovrebbero arrivare oggi i risultati dei cinque tamponi eseguiti ieri mattina su altrettanti familiari e conoscenti della professoressa di 57 anni che da lunedì sera è ricoverata al Cotugno di Napoli affetta da coronavirus. Un’intera comunità in apprensione. La task force del Comune di Agropoli ha proceduto subito a ricostruire la rete di contatti della donna isolando i potenziali contagiati su cui l’Asl di Salerno con il dipartimento di prevenzione nella giornata di ieri ha provveduto ad eseguire immediatamente i tamponi.

La donna – come riporta Il Mattino di Salerno – è arrivata lunedì mattina al San Luca di Vallo della Lucania accompagnata dalla figlia. Presenta tosse e febbre. Era stata a Parma nel weekend precedente al Carnevale per assistere il figlio, anche lui febbricitante ma non colpito da coronavirus, così come inizialmente ipotizzato. È rientrata mercoledì in treno. Al sopraggiungere della febbre, nella giornata di lunedì ha deciso a scopo precauzionale di non recarsi a scuola ma comunque ha svolto altre attività, uscendo per fare la spesa e altri servizi ed è questo che determina timore tra la comunità di Agropoli, soprattutto del centro, dove la professoressa abita.

Il sindaco Adamo Coppola lunedì notte ha deciso di chiudere per due giorni il liceo Alfonso Gatto dove la professoressa insegna e ieri mattina ha disposto la chiusura di alcune attività commerciali frequentate dalla donna, tra cui un centro estetico, una cartolibreria, un negozio di generi alimentari. Attenzionata anche una sartoria. Il tampone è stato effettuato sul marito, la figlia e i titolari delle attività commerciali con cui la donna ha avuto contatti. Il caso coronavirus ha stravolto la quotidianità della città. In molti nella giornata di ieri hanno preferito evitare luoghi pubblici. Gli effetti della paura del contagio sono stati avvertiti soprattutto in bar e ristoranti che erano quasi vuoti negli orari di punta.

La positività al Covid 19 della professoressa di Agropoli sta tenendo con il fiato sospeso anche il vicino comune di Pollica dove la figlia della donna lavora come farmacista. L’attività nella giornata di ieri è rimasta chiusa. Si attende l’esito del tampone eseguito sulla ragazza. Il sindaco Stefano Pisani precisa: «Abbiamo già provveduto a sanificare l’ambiente, le ragazze lavoravano già osservando le direttive per cui mantenendosi a debita distanza dagli utenti. In ogni caso abbiamo già provveduto a ricostruire i contatti della ragazza in attesa di risposte dal Cotugno».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019