«Cristian, l’ingegnere sognatore: in lui autenticità e semplicità dei cilentani»

| di
«Cristian, l’ingegnere sognatore: in lui autenticità e semplicità dei cilentani»

Abbiamo quattro nuovi ambasciatori della Dieta Mediterranea, persone diversissime tra di loro ma tutte eccellenti nei loro rispettivi campi: Stefania De Pascale, scienziata, Giuseppe Calabrese, conduttore televisivo, Giuseppe Pagano, imprenditore agricolo e Cristian Santomauro, ingegnere e divulgatore dell’antica pizza cilentana che ha diffuso ormai ovunque col nome di “Ammaccata”, semplice e di una bontà che evoca sapori che ritenevamo perduti, impastata con grani selezionati antichi, come la varietà Carosella, condita con sugo di pomodori con buccia e cacioricotta.

Scrivo di Cristian perché lo conosco da un po’ di anni e di lui da subito ho ammirato l’instancabile passione, la professionalità, ma anche un tratto intimo caratteriale che non può sfuggire all’occhio attento: quello dell’umiltà, dell’innata e spontanea gentilezza, della verecondia che lo rendono un’anima bella, rara, eletta.

Cristian è così, anche perché ha scelto di avere a che fare con acqua e farina, gli ingredienti base del nostro vitale sostentamento che impasta con sacralità ed offre con una religiosità quasi francescana, sapendo bene che sin dal Neolitico, questi sono gli elementi costitutivi del pane, il cibo più ancestrale e universale che unisce diverse civiltà e contraddistingue la nostra sulla quale si fonda la ormai famosa dieta mediterranea.

Credo in sincerità che la commissione che lo ha designato ambasciatore non avrebbe potuto scegliere di meglio. Questo giovane ingegnere sognatore sicuramente farà ancora parlare di sè rappresentando egregiamente l’aspetto più autentico, il paradigma semplice, il tratto peculiare che ci caratterizza come cilentani, attori del sistema “Dieta mediterranea”: essere ospitali, vivere la religiosità come i greci, computare il tempo come καιρός, ovvero non nella sua natura quantitativa ma in quella qualitativa, assumere il cibo come fosse la medicina del corpo e dell’anima, la sociabilità, sentirsi parte attiva della propria comunità. Questo è il teorema semplice della Dieta mediterranea che il mondo osserva con curiosità e ci invidia e che Cristian da oggi, meritato ambasciatore, saprà egregiamente rappresentare.


©Riproduzione riservata