• Home
  • Attualità
  • Da Pollica alla Camera dei Deputati, Fondazione: «Chi credeva di fermare Angelo si è sbagliato»

Da Pollica alla Camera dei Deputati, Fondazione: «Chi credeva di fermare Angelo si è sbagliato»

di Antonio Vuolo

Lunedì 7 marzo alle ore 15.30 presso la Nuova Aula dei Gruppi Parlamentari in via Campo Marzio 78 a Roma, si svolgerà la presentazione del libro “La verità negata chi ha ucciso il Sindaco Pescatore” di Dario Vassallo e Vincenzo Iurillo. All’incontro, che sarà trasmesso anche in diretta streaming, interverranno Luca Migliorino, “Coordinatore del Comitato Antimafia Elementi Istruttori Omicidio Angelo Vassallo”; Stefania Ascari, Commissione Antimafia Movimento 5 Stelle; Dario Vassallo, autore del libro e fratello del Sindaco Pescatore; Massimo Vassallo, fratello del Sindaco Pescatore; Vincenzo Iurillo, giornalista de “Il Fatto Quotidiano” e coautore del libro. Modererà l’incontro Dario Del Porto, giornalista de “La Repubblica”.

Le conclusioni saranno affidate a Giuseppe Conte, presidente Movimento 5 Stelle.

Sono ancora tanti gli interrogativi che cercano risposta. Una battaglia per la legalità che per fortuna non è morta con Angelo Vassallo, il Sindaco Pescatore, come i mandanti dell’omicidio evidentemente speravano: da anni è portata avanti dai fratelli Dario e Massimo, che negli ultimi 11 anni, insieme alla Fondazione Vassallo ha girato tutta l’Italia per far emergere la “piramide di fango”, fatta d’inganni, tradimenti e depistaggi, e, soprattutto, per risvegliare le coscienze degli italiani.

Tutto comincia quel tragico 5 settembre del 2010 di 11 anni fa, quando nove colpi di pistola raggiungono il Sindaco di Pollica Angelo Vassallo. Un uomo colto e di umili origini, che aveva saputo trasformare un piccolo comune della Campania, logorato dagli interessi della malavita locale, in un esempio di amministrazione lungimirante per il mondo. Come spesso accade, chi persegue la giustizia viene lasciato solo, diventando un facile bersaglio della criminalità organizzata. A dieci anni dalla sua morte, il libro/inchiesta “La Verità Negata chi ha ucciso il Sindaco Pescatore”, scritto a quattro mani dall’instancabile fratello Dario Vassallo e da Vincenzo Iurillo, riaccende quell’indagine.

Il libro è una sorta di “Diario di viaggio” nello spazio temporale di circa 10 anni, in cui Dario racconta il suo percorso e quello del fratello Massimo attraverso l’Italia per testimoniare cosa ha generato, nei cuori e nelle menti degli italiani, l’assassino del fratello Angelo. Un viaggio che testimonia soprattutto l’esistenza di un’altra Italia, quella della gente perbene e di buona volontà.

«Abbiamo impiegato 11 anni, 6 mesi e 2 giorni affinchè l’omicidio di Angelo Vassallo venisse affrontato nella sede opportuna. La Politica con la ‘P’ maiuscola ha il dovere di rafforzare l’azione investigativa della magistratura e della polizia giudiziaria affinchè i mandanti e gli esecutori di questo efferato omicidio vengano assicurati alla giustizia, senza dimenticare l’azione di uomini delle istituzioni che hanno avuto il compito di depistare», sottolinea il fratello Dario Vassallo.

L’incontro alla Camera dei Deputati avrà lo scopo di ricordare la figura del Sindaco Pescatore barbaramente trucidato da nove colpi di pistola, ma anche far conoscere tutto l’impegno profuso dalla Fondazione Vassallo affinché gli esempi della Buona Politica lasciati in eredità da Angelo Vassallo non siano dimenticati, ma diventino anzi l’esempio da seguire da parte degli amministratori del nostro paese. Sarà anche l’occasione per capire di più sullo stato delle indagini che ancora oggi, da oltre undici anni di distanza dall’assassinio, non hanno condotto agli esecutori ed ai mandanti di un delitto ancora irrisolto.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019