• Home
  • Sport
  • La Dirty Dancing di Agropoli è campione d’Italia

La Dirty Dancing di Agropoli è campione d’Italia

di Luigi Martino

Gli atleti della Dirty anche quest’anno tornano a casa con un considerevole bottino di premi: Cinque medaglie d’oro, un argento e tre bronzi, si vanno ad aggiungere al già prestigioso palmares dell’ associazione Agropolese.

Gli ori, quest’anno hanno toccato tutte le principali discipline, infatti sono stati ottenuti uno nelle danze coreografiche classe A, uno nelle danze standard, uno nelle danze latine, uno nelle danze nazionali ed uno nella combinata olimpica.

Particolarmente prestigiosa l’affermazione, nella categoria esordienti, della coppia formata dagli agropolesi Serra Gennaro e Voria Mariachiara, (22 anni in due) che hanno superato oltre cento coppie aggiudicandosi ben tre medaglie d’oro. Altrettanto prestigiosa l’affermazione della coppia formata da Immacolata Monaco e Luigi Mondelli, per loro oltre all’oro nella combinata olimpica, bronzo anche nelle danze standard. E, poi la vittoria, per l’ottavo anno consecutivo, nelle danze coreografiche che ha visto scendere in pista contemporaneamente tutti gli atleti agropolesi per contendersi il titolo Italiano di danze a squadre con tutti gli altri team provenienti dalle altre regioni d’Italia. A completare l’affermazione dal sodalizio Cilentano c’è ancora la medaglia d’ argento ottenuta dalla coppia vincitrice della coppa Italia 2010, Antonio Giuliano e Gaetana Ruggiero e altre due medaglie di bronzo nelle danze sincronizzate oltre ad altri piazzamenti che sia pur non raggiungendo la zona podio vi si avvicinano in modo significativo, quali quelli ottenuti nelle danze standard con Andrea Di Cunto e Loredana Giordano classe A e Vincenzo Bottone e Carmela Ciongoli classe B.

Ottimo risultato anche per il team della palestra Atene di Mercato Cilento, all’esordio ai campionati, un più che meritato quarto posto nelle danze Sinkro.

Entusiasti e commossi per i successi raggiunti i due tecnici Antonio ed Agnese Di Biasi, hanno dichiarato:“Difendere questi risultati diventa ogni anno sempre più difficile poiché il livello tecnico cresce sempre di più e gli altri team diventano sempre più numerosi e agguerriti. La conquista, per l’ottavo anno consecutivo del titolo Italiano, con atleti completamente diversi da quelli dei primi anni, dimostra la grande potenzialità del nostro vivaio e la serietà del lavoro svolto. E’ una grande soddisfazione per noi lavorare in FIDS con questi ragazzi, è con immenso piacere che dedichiamo questa grande affermazione alla città di Agropoli e alla Campania.”

Questi i nomi dei componenti il Team Campione d’ Italia:
Ciongoli Carmela, Comunale Giusy, Creso Lucia, Creso Luigina, Cristiano Rachela, Di Biasi Gianluca, Figliola Francesca, Giuliano Dora, Marino Sharon, Monaco Immacolata, Quaglia Cristina, Serrapede Giovanna, Volpe Iolanda.

Al rientro, ad Agropoli, già si preannuncia una grande festa. Gli atleti e i tecnici, insieme agli accompagnatori ed al presidente del sodalizio, saranno accolti dal Sindaco, dall’ Assessore allo sport, da altri amministratori e autorità cittadine.

fonte:infoagropoli.it

 

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019