De Luca: «Ho il terrore di un ripresa del contagio»

Infante viaggi

«Ho il terrore di una ripresa del contagio, vedo troppa allegria, troppa disinvoltura”. Questo il timore espresso dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nella diretta facebook per fare il punto sull’emergenza Coronavirus. «In Campania è cominciato tutto da tre persone contagiate – ricorda – tutte provenienti dal Nord. Quando hai un contagio si determina una specie di reazione a catena: devi ricostruire tutta la catena dei contatti, diventa un inferno. Io ho il terrore di ritornare in quella situazione». Con la fase 2 alle porte, sottolinea, «non dobbiamo vivere di angoscia, ma essere consapevoli che un problema c’è. Dobbiamo vivere anche la vita pubblica con la preoccupazione che chi e’ vicino può essere un possibile portatore di contagio e avere tutta l’attenzione necessaria per parare il pericolo». Se si assumeranno comportamenti responsabili, ribadisce, «potremo affrontare la seconda fase anche con una leggerezza d’animo e con una certa serenità, se avremo comportamenti irresponsabili rischiamo una nuova catastrofe». La Regione lavorerà, in linea con il governo nazionale, «prevedendo una verifica ogni 14 giorni, per capire se ci sono state conseguenze sulle decisioni assunte e poter intervenire immediatamente». 

De Luca rimarca più volte l’importanza di indossare le protezioni individuali. «Da oggi in Campania c’è l’obbligo di indossare la mascherina fuori casa – chiarisce – e ci sono sanzioni per chi non lo fa. Chi non la indossa è una bestia, perchè non ha rispetto per gli anziani, per i bambini e per il lavoro immane fatto dalla Regione per mettere in condizione tutti di avere la mascherina». Per il governatore non ci sono “alibi”, perchè “i dispositivi oggi ci sono. Dobbiamo esser rigorosi fino all’ossessione». Annuncia poi che sono in produzione un milione e 250mila mascherina per bambini, oltre ai 4,5 milioni di pezzi prodotti per gli adulti. 

  • assicurazioni assitur

«Se ci arrivano 100 positivi» in Campania «diventa un problema», ha ancora detto De Luca su Fb sgombrando il campo da contrapposizioni tra Nord e Sud. La principale emergenza per De Luca e la Campania, infatti, «è legata agli arrivi, e possono essere migliaia, da fuori dallaCampania. Corriamo un rischio serio e probabilmente il Governo non ha assunto una decisione ragionevole per quello che ci riguarda».

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur