• Home
  • Cronaca
  • Depuratore, indagato sindaco San Giovanni a Piro: «Fiducia in magistratura»

Depuratore, indagato sindaco San Giovanni a Piro: «Fiducia in magistratura»

di Luigi Martino

«In primo luogo, voglio esprimere piena fiducia nella Magistratura di Vallo della Lucania di cui, anche per esperienza professionale, conosco rigore e onestà intellettuale». Lo scrive in una lunga nota inviata alla nostra redazione Ferdinando Palazzo, il sindaco di San Giovanni a Piro. L’indagine portata avanti dalla procura vallese, ha verificato che a Scario non c’è il depuratore. Gli inquirenti hanno iscritto il nome del primo cittadino nel registro degli indagati. «Che a Scario non c’è il depuratore, non è una notizia – ha sottolineato Palazzo -. Per il semplice fatto che manca da sempre! Una carenza che ci siamo proposti di colmare mettendo il tema fra i primi punti del programma elettorale. Ed è incontestabile lo sforzo continuo posto in essere dall’Amministrazione Comunale in questi ultimi 4 anni nel migliorare la propria rete depurativa: – con la divisione delle acque bianche e nere dell’abitato di Scario; – con la completa manutenzione e, ove necessario, ripristino della condotta sottomarina; – con la sanatoria dell’occupazione demaniale della stessa condotta sottomarina; – con il reperimento di un finanziamento di oltre 2 milioni di euro per potenziare la rete fognaria e collegarci all’edificando depuratore comprensoriale; – con lo sforzo congiunto, sacralizzato in un protocollo di intesa, con Consac, Ato e Parco di offrire soluzioni diverse ad un depuratore comprensoriale che languiva dal 2008; – con la disponibilità “deliberata” di dare all’Arpac addirittura un ufficio sul porto di Scario per il monitoraggio continuo delle nostre acque di balneazione».

I due fatti al centro dell’indagine penale risalgono al 2015 e al 2016. Il primo accertamento risale al 2015 ed è avvenuto il 25 giugno. «Circostanza molto significativa, visto che l’insediamento del sindaco era avvenuto solo 13 giorni prima. Evidentemente – sul piano politico – gli addebiti vanno contestati a chi, precedentemente e fino a pochi giorni prima, avrebbe dovuto pensare, predisporre e gestire le infrastrutture per una corretta depurazione delle acque – scrive ancora Palazzo -. Ora, è importante che i cittadini sappiano che la sanzione amministrativa irrogata dall’Arpac e i relativi accertamenti – all’origine dell’indagine – sono già stati completamente annullati dallo stesso Tribunale di Vallo della Lucania in sede civile con sentenza passata in giudicato».

L’episodio del 2016 andrebbe ricollegato ad una rottura della rete fognaria, «che purtroppo capita, prontamente riparata. In proposito, va detto che la condotta sottomarina esistente (che sta offrendo ottimi risultati in termini di depurazione, in attesa del depuratore comprensoriale in costruzione) risale al 1976 e ha visto il susseguirsi di diverse amministrazioni. Le responsabilità che certa stampa tenta di ascrivere all’attuale Amministrazione ha, dunque, radici e responsabilità risalenti e non attuali! Ciò senza dire che tutto il progetto della depurazione del nostro comparto è – come noto – in capo alla Provincia di Salerno, che ne sta gestendo l’appalto e la realizzazione. Capisco che faccia gola attaccare mediaticamente un Comune che ha fatto sempre dell’eccellenza ambientale il suo obiettivo principe. Ma, al di là della strumentalizzazione politica, spero che questa vicenda possa concorrere alla attuazione del Progetto di risanamento dei corpi idrici superficiali della Grande Depurazione in Campania, che – come detto – per il nostro comparto risale al 2008. Anche sul punto – e sempre sul piano politico – si dovrebbe allargare l’orizzonte e chiedersi come mai un’opera fondamentale e finanziata fin dal 2008 solo oggi vede iniziare i suoi lavori. Sicchè è lecito affermare che, in questa vicenda e anche sotto questo profilo, il Comune di San Giovanni dovrebbe essere parte offesa! Ma se questo processo è il prezzo da pagare per la gestione delle difficoltà che abbiamo trovato, sono felice, come sindaco, di dovermi assumere anche questa responsabilità facendomi consapevolmente carico della tutela degli abitanti e degli ospiti di Scario. Come i risultati Arpac negli anni hanno confermato, dando giusto merito al lavoro svolto e “certificando” il mare di Scario sempre come ‘eccellente’».

© Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

Giornale del Cilento


Iscrizione al registro della stampa: Tribunale di Vallo della Lucania n.580/2009 | Iscrizione ROC: n° 33606/2019 | Editore: Editrice Cilento SRL - P.iva 05832750656 | Direttore Responsabile: Marianna Vallone | Contatti: redazione@giornaledelcilento.it