Donna sgozzata da marito, la rabbia del papà: «Denunciare non serve»

Infante viaggi

di Redazione

«A cosa serve denunciare?». È la domanda che continuamente si pone Alberto Bianchi, padre di Sonia, la donna accoltellata giovedì sera dal marito, Massimo Salvatore, ad Olevano sul Tusciano. Sono state ben quattro le denunce per maltrattamenti nei confronti di Sonia. E, nonostante questa raffica di allarmi, nessun provvedimento è stato adottato per evitare la tragedia. Alberto Bianchi, di venerdì pomeriggio, è seduto nella sala d’aspetto, davanti alla Rianimazione dell’ospedale “Ruggi d’Aragona” a Salerno. L’uomo tiene il capo chino, guardando continuamente il telefonino. Le sue dita scorrono sullo schermo del cellulare per tenerlo sempre acceso, l’unico modo, in questo momento, per vedere ancora sorridente la figlia. La notizia la riporta La Città di Salerno.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur