• Home
  • Sport
  • Girone B: il Serino sbanca il Guariglia. 2 a 1 per gli ospiti

Girone B: il Serino sbanca il Guariglia. 2 a 1 per gli ospiti

di Luigi Martino

Agropoli 1 – Serino 2

La cronaca della gara ci racconta di un’Agropoli irriconoscibile, che va in campo forse troppo rilassata mentalmente per i cinque risultati utili consecutivi, e subisce gol dopo 27′ minuti da Stellato bravo a deviare in porta un corner dalla sinitra. Nonostante per i minuti precedenti il centravanti casertano fosse stato ripetutamente beccato dal pubblico, ferma i compagni pronti ad esultare per la marcatura e va a baciare lo striscione “addio presidente” che i tifosi avevano dedicato al mitico Tony Di Luccio indicando con la mano il cielo , segno he il gol era dedicato a quel presidente che lo volle ad Agropoli. Con questo gesto Stellato si è meritato l’applauso dei circa trecento tifosi dei delfini che dopo la rete sono costretti ad assistere ai restanti 18 minuti di gioco nella noia più totale. Si va negli spogliatoi e nella ripresa le cose non cambiano. Il campo di gioco in non perfette condizioni a causa della pioggia non permette all’Agropoli di mostrare il suo solito gioco mentre il Serino, che bada al risultato e non all’estetica, si trova a proprio agio tanto da raddoppiare dopo appena 6′. Ancora calcio d’angolo, ancora un colpo di testa. Stessa dinamica ma cambiano i protagonisti: dalla bandierina c’è Kadam e a saltare di testa Di Costanzo che esulta con la propria panchina. Il 2 a 0 sveglia l’Agropoli che si butta in avanti sbagliando due facili occasioni con Balzamo lanciato a tu per tu con il portiere. Il gol arriva però all’82′ con Luongo che, anche questa volta da calcio d’angolo, va a siglare di testa la rete del 2 a 1. Subito palla a centrocampo, senza neanche il tempo per l’attaccante agropolese di esultare per la sua prima marcatura in campionato. Ma il tempo da giocare è poco, i minuti scorrono veloci e un arbitro a dir poco inadeguato fa si che si passi più tempo a discutere che a giocare a calcio. Il Serino al triplice fischio finale festeggia la vittoria, l’Agropoli si lecca le ferite e si rammarica per l’occasione persa.

Agropoli: Caputo, Malandrino, Moccia (dal 40′ s.t. Mazzariello), Carbone, Anastasio, Calabrese, Balzamo (dal 35′ s.t. Lauteri), Guerrera, Apicella, Rega, Luongo. A disposizione: Di Martino, Gaeta, Costantino, Di Filippo, Lardo. Allenatore: Balzano

Serino: Carandente, Marrazzo, Kadam, Salomone, Bosco, Morrone, Di Costanzo, Bonifacio, Stellato (dal 43′ s.t. Buonocore), Grieco (dal 35′ s.t. De Blasio), Santonicola (dall’8′ s.t. Ranieri). A disposizione: Maffeo, Poggiomarino, Venezia, Gargiulo. Allenatore: Gargiulo.

Arbitro: Schettino di Castellammare

Ammoniti: Grieco e Balzamo

Note: giornata fredda, campo in cattive condizioni a causa della pioggia caduta nei giorni scorsi. Presenti circa 300 spettatori.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019