• Home
  • Sport
  • L’Agropoli vince per 3 a 1. La squadra ad Adinolfi: “Dimettiti”

L’Agropoli vince per 3 a 1. La squadra ad Adinolfi: “Dimettiti”

di Luigi Martino

Il presidente non accetta di essere considerato un capro espiatorio per il mancato percepimento degli stipendi da parte dei giocatori, questi ultimi sono stanchi di ascoltare promesse.

Ma i dissidi nell’U.S.Agropoli, non riguardano solo calciatori e presidente ma anche il resto della dirigenza sembra aver isolato Adinolfi e attenderebbe invece nuovi finanziatori. A suo volta il presidente punta il dito contro quei dirigenti che fin ora non hanno onorato i loro impegni.

Intanto la squadra ha deciso di affidarsi al capitano Giuseppe Calabrese per esprimere tutto il suo sdegno per la situazione che si è creata e per chiedere a gran voce le dimissioni di Adinolfi: "Il presidente non ci è mai stato vicino, dall’inizio ci ha lasciato soli e stiamo aspettando da parte sua le dimissioni. Oggi la squadra è scesa in campo non contro di lui ma quasi, siamo scesi sul terreno di gioco con la speranza di non rivederlo più e se lui dovesse rimanere domenica potremmo non scendere più in campo. In settimana ha avuto una accesa discussione con tutti i giocatori e non ci ha lasciato da uomo. Oggi comunque noi calciatori abbiamo fatto il nostro dovere soprattutto per i tifosi e per gli altri dirigenti ma non sicuramente per lui. Speriamo che vada via e che ci sia in società l’ingresso di nuovi soci".

La risposta di Adinolfi al suo capitano non tarda a mancare: "Io non mi dimetto – afferma il numero uno dei delfini – il capitano pensasse a continuare a fare il proprio dovere. I problemi societari non sono di competenza dei calciatori ma dei dirigenti. Come presidente posso assicurare che resterò saldo al mio posto e onorerò i miei impegni come ho già fatto andando oltre i miei doveri, sono altri i soci che non hanno contribuito nella maniera in cui dovevano. Riguardo il capitano, impari il rispetto verso le persone e verso di me. Diffido tutti coloro che vogliono ricamare su questa situazione e anzi voglio annunciare che in settimana mi farò sentire tramite la stampa perché probabilmente ci saranno delle novità sul fronte societario".

Insomma, la situazione dell’Unione Sportiva Agropoli 1921 è davvero drammatica. Secondo indiscrezioni, qualcuno avrebbe intenzione di rilevare la società, ma Adinolfi non sembra pronto a lasciare la mano e anzi avrebbe trovato anche lui nuove investitori. Per ora di certo però, c’è solo la situazione di caos che si è creata, una situazione che non giova ad una squadra in piena lotta play off e giunta alle semifinali di Coppa Italia.

 

fonte:infoagropoli.it

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019