• Home
  • Sport
  • La Gelbison sale sul podio, -2 dalla vetta

La Gelbison sale sul podio, -2 dalla vetta

di Luigi Martino

Eccellenza girone B, anticipi 9ª giornata

Gelbison-Baratta 2-0

GELBISON: Mazza 6.5, Manganelli 6.5, Di Palma B. 6.5, Anastasio 7.5, Marciano 7, Ietto 6.5, Peccerillo 7.5, Granozzi 6.5 (23′ st  Rossi 6.5), De Cesare 7, Sica 7.5, La Manna 6.5 (28′ st Di Lascio 6.5). A disp. Lista, Conte, Maiese, Di Palma A., Fariello. All. Turco 7

BARATTA: Lamberti 5.5, Mauro 5.5, Parisi 5.5, Guerrera 5.5 (15′ st Stanzione 5), Salvatore 5.5, Farace 5.5, Marantino 5 (28′ st Pierro 5.5), Marrazzo 5 (38′ pt Cestaro 5.5), Procida 5, Cannalonga 5, Agresta 5. A disp. Guerriero, Ruocco, Di Giacomo, Iurio. All. 5.5

ARBITRO: Gironada Veraldi di Bari

MARCATORI: 1′ pt Peccerillo, 12′ st Anastasio

NOTE: ammoniti Marantino, Stanzione, Agresta. Spettatori 300 circa

SANT’ARSENIO. Un gol per tempo e la Gelbison archivia la pratica Baratta. Una gara ineccepibile da parte della squadra di Turco, bravo a chiudere praticamente ogni spazio e a punire i bianconeri al primo errore.

Dopo appena 30 secondi la Gelbison va in gol: repentina verticalizzazione sfruttata da Sica, la cui conclusione sbatte sulla traversa; sul pallone vagante si avventa Peccerillo che insacca. I presupposti per una partita scoppiettante ci sono tutti, ma il primo tempo tradisce le aspettative. Le azioni degne di nota si contano infatti sulle punte delle dita di una sola mano. Il resto è una miriade di fraseggi a centrocampo senza finalizzazione. Solo allo scadere della prima frazione si fanno vedere gli ospiti con Guerrera, che però si lascia ipnotizzare da uno strepitoso Mazza, che chiude bene lo specchio della porta salvando il vantaggio.

Nella ripresa lo spettacolo stenta a decollare. Il Baratta però è costretto ad osare qualcosa in più, lasciando ampi spazi per i contropiede dei padroni di casa. Su uno di questi, al 12′, De Cesare fa partire un cross velenoso sul quale Lamberti non è impeccabile, la sfera gli sfugge di mano e Anastasio fa 2-0.

Il resto della gara è un innocuo forcing dei battipagliesi, intervallato dalle pericolose folate in contropiede della Gelbison. Su una di queste, allo scadere, Sica si divora il tris a tu per tu col portiere. Ma forse il 3-0 sarebbe stato un passivo ingiusto per il Baratta.

____________________________________________________________________________________

Sanseverinese-San Valentino 1-0

SANSEVERINESE: Veneziano 7, Calabrese 6.5, Kadam 7.5, Balzano 7, Tessitore sv (1′ pt De Capua 7), Toma 7, Visco 7, Memoli 7.5, Befi 7 (41′ st Mariniello sv), Della Marca 7, Rapolo N. 7.5 (37′ st Andres 6.5). A disp.: D’Andrea, Mazzei, Roscigno, Paolino. All. Tudisco 7

SAN VALENTINO: La Rocca 6.5, Indolfi 6.5, De Marchis 4.5, Guarini 5, Piccolo 4.5, Granato 5, Angrisani 6, Corrado 6, Noviello 6.5, Porcaro 6 (24′ st Marmorino sv), Romano 6 (1′ st Aliperta 5, 45′ st Barbaro sv). A disp.: Terracciano, Lauria, Sorgente, Mattiacci. All. Silvestro 6

ARBITRO: Fine di Battipaglia 7

MARCATORE: 27′ pt Rapolo N.

NOTE: ammoniti Guarini, Calabrese, La Rocca, Granato. Espulsi al 33′ st Piccolo (SV) per fallo di reazione e al 48′ st De Marchis (SV) per gioco scorretto. Spettatori 200 circa

MERCATO SAN SEVERINO. Una vittoria di misura ma convincente sul piano del gioco. La Sanseverinese dà continuità al successo di Castel San Giorgio e batte 1-0 anche il San Valentino grazie a una rete di Nicola Rapolo. All’8′ la prima occasione della partita è per gli ospiti: Roma serve Noviello, Veneziano blocca la conclusione. La Sanseverinese comincia a macinare gioco pur senza strafare e al primo affondo va in gol: al 27′ Visco affonda sulla sinistra, cross al centro per De Capua che di prima intenzione appoggia per Befi, colpo di tacco del centravanti per l’inserimento di Nicola Rapolo il cui tiro di prima intenzione a mezz’altezza è imparabile per La Rocca. Passano due minuti e i padroni di casa sfiorano il raddoppio: combinazione sull’asse Befi-Della Marca, il tiro del fantasista termina alto sopra la traversa. La Sanseverinese insiste: De Capua serve Befi che prova il rasoterra ma non sorprende La Rocca. Al 43′ l’ultimo sussulto lo crea il San Valentino: ci prova dal vertice sinistro Noviello ma Veneziano è pronto a parare. La ripresa si apre col San Valentino in attacco: al 9′ assist di Angrisani, Piccolo incorna e Veneziano è costretto alla difficile respinta con i piedi. La Sanseverinese risponde al 18′: palla filtrante di Memoli per Befi che arriva a tu per tu con La Rocca, bravo a portare via la sfera al bomber avversario. Le speranze del San Valentino si chiudono praticamente al 33′ della ripresa quando Piccolo scatena una rissa dopo un fallo a centrocampo e si fa espellere. A quel punto gli irnini hanno gioco facile nel gestire il vantaggio e portano a casa tre punti che la rilanciano in classifica, mentre gli ospiti chiudono addirittura in nove per un brutto fallo di De Marchis.

____________________________________________________________________________________

Serino-Scafatese 1-1

Serino: D’Antuono, Sicilia, Di Maio, Salomone, Salerno, Marrone (35′ st Iacuzzo), Di Costanzo, Bonifacio, Fortino (33′ st De Dilectis), Grieco, Giarletta (28′ st Criscuolo). A disp: Inserra, Caruso, De Feo, Tammaro. All. Gargiulo

Scafatese: De Gennaro, Loreto (21′ st Avino), Tito, Scarica, Paragallo, Aruta (1′ st Ferrentino), Vicidomini, Pepe, Alfano, Teta, Borrelli (33′ st Siesto). A disp: Gallo, Panico, ,Colantuono, Galasso. All. Matarese.

Arbitro: Gravino di Caserta

Marcatori: 6′ pt Giarletta (SE), 32′ pt Pepe (SC) 

Note: ammoniti: Salomone, Salemme, Bonifacio, Fortino, Borrelli.

La Scafatese deve accontentarsi del pareggio contro la Cenerentola Serino. Si mette subito in salita il match per i canarini che vanno sotto già dopo 6 minuti. Giarletta, lanciato in profondità, aggancia magistralmente e piazza la palla sul palo più lontano. La Scafatese accusa il colpo e cerca sin da subito una reazione, ma vere azioni da gol se ne vedono solo dopo la mezz’ora. Anzi è ancora il Serino a sfiorare il raddoppio con Salomone al 25′, ma il centrocampista viene anticipato di un soffio. Al 32′ arriva il pari dei canarini. Pepe infila D’Antunono con un preciso diagonale indirizzato nell’angolino basso. Prima dell’intervallo i gialloblù sfiorano il colpo del 2-1 con Teta, ma è la traversa a negargli la gioia del gol e due minuti dopo con Vicidomini ma la sfera sfiora il palo. Nella ripresa accade poco e niente, giusto nei minuti finali Vicidomini e Alfano sfiorano il gol: il primo spreca clamorosamente da pochi passi, il secondo tenta di risolvere una mischia ma Bonifacio spazza dall’area piccola. All’ultimo secondo utile Criscuolo sfiora il colpaccio ma De Gennaro grazia i canarini. Si finisce così: con un pareggio che sta stretto alla Scafatese, ma che il Serino tutto sommato, ha meritato.

_______________________________________________________________________________

Palmese-Agropoli 0-1

Palmese: Peluso, Giordano, Cuomo, Angieri (38′ st Trovato), Pastore L. (25′ st Ascione), Moccia (6′ st Izzo), La Marca, Fortino, Pastore F., Nappi, Crognale. A disp: Simonetti, Valentino,  Addeo , Ferrentino. All. Califano.

Agropoli: Vitale, Garaffa, Ferretti, Bisogno, Iuliano, Carbone (19′ st Cauceglia), Fioraso, Sabatino, Crisci (35′ st Gentile), Apicella, Barone (23′ st Nerella). A disp: Formisano, , Passarella, Bevilacqua,  Sica. All. Magna.

Arbitro: Borriello di Torre del Greco

Marcatore: 23’pt Garaffa. 

Note: ammoniti Bisogno, Izzo, Ceraso, Vitale, Giordano, Ascione. Fioraso espulso al 43′ 

Incredibile colpaccio dell’Agropoli contro la Palmese grazie all’eurogol di Garaffa nel primo tempo. Califano conferma i dieci/undicesimi della ripresa contro la Calpazio, con la sola esclusione di Izzo non al top della forma. Riconfermati dunque in attacco i “4 dell’Ave Maria” Fortino-Pastore-Crognale-Nappi. Parte subito forte la Palmese con Nappi che al 12′ parte dal cerchio di centrocampo, dribbla 4 avversari e a tu per tu con Vitale si allunga troppo la palla e vanifica l’occasione da gol. Ma al 23′ è l’Agropoli a passare in vantaggio con la magia di Garazza che da circa 25 metri da posizione defilata lascia partire una staffilata che beffa Peluso fuori dai pali. Al 36′ Palmese vicina al pareggio, quando Nappi innesca Pastore solo davanti al portiere, ma Vitale in uscita riesce a neutralizzare il doppio tentativo rossonero. Nella ripresa la Palmese spinge ancora alla ricerca del pari. Califano getta nella mischia Izzo che dalla sinistra subito comincia a far male: al 22′ sponda di Pastore per Crognale che aggancia male ma si gira lentamente. Al 26′ Izzo mette in mezzo per Crognale che stoppa di petto e gira perfettamente ma Vitale in qualche modo respinge. Il pressing della Palmese è asfissiante, l’Agropoli conclude gli ultimi minuti in dieci (espulso Fioraso nel finale) e con capitan Apicella (migliore in campo) che resta in campo infortunato perché i cilentani avevano finito le sostituizioni. Gli ultimi minuti sono incandescenti: ma il risultato non si sblocca l’Agropoli fa il blitz a Palma.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019