Elezioni regionali, Mastella: «Fermiamo Caldoro per cercare l’unità»

Infante viaggi

«Decidiamo il candidato governatore del centrodestra in Campania a fine gennaio, dopo che si saprà il risultato delle elezioni regionali in Emilia Romagna». È la proposta del sindaco di Benevento, Clemente Mastella, che insiste affinché venga anche individuato un «metodo condiviso di scelta». Mastella, che si racconta al quotidiano La Città di Salerno, dice nuovamente no alle candidature calate dall’alto che potrebbero anche minare la solidità della colazione. «Il centrodestra può vincere alle elezioni regionali in Campania – ammonisce l’ex ministro – se trova unità nel suo interno. E l’unità è data non dal fatto che qualcuno dica chi è candidato o meno. Anche perché ritengo che la Campania sia più difficile da conquistare di quanto non lo sia l’Emilia Romagna».

È sempre disposto a candidarsi a governatore?
Mi devono dire come mai rispetto al sondaggio che attribuisce il 42% dei consensi sia a me che a Stefano Caldoro, si scelga quest’ultimo senza neppure che io sia avvertito di nulla. Prima di tutto, dunque, contesto il metodo. L’altro aspetto che mi lascia perplesso riguarda alcune incongruenze: io sono l’unico sindaco di centrodestra di una città capoluogo di provincia e ho fibrillazioni in maggioranza. C’è, infatti, una consigliera della Lega che vota contro e un consigliere che fa riferimento a Caldoro che non si presenta in Consiglio comunale o fa un po’ d’atteggiamento bizzoso nei confronti della maggioranza. Anche questi aspetti voglio chiarire.

  • Assicurazioni Assitur

Perché, secondo lei, Lega e Fratelli d’Italia frenano su Caldoro?
Dico una cosa molto semplice: siccome la battaglia campale, la Stalingrado della politica italiana sarà la competizione elettorale di fine gennaio in Emilia Romagna, chi vincerà si esalterà e chi invece perderà si deprimerà. Proprio per questo motivo suggerirei di aspettare fino al risultato delle elezioni. Non vogliono fare le primarie ma, perlomeno, chiedo di trovare una forma di ricognizione della realtà per capire chi abbia più chance di vincere. Ma, così, con un incantesimo, con una forma di mancato entusiasmo, corriamo anche il rischio di perdere.

©Riproduzione riservata

Assicurazioni Assitur