• Home
  • Eventi & Cultura
  • Escursionisti alla scoperta degli Alburni, a piedi nel Cilento da Sant’Angelo a Fasanella a Sacco

Escursionisti alla scoperta degli Alburni, a piedi nel Cilento da Sant’Angelo a Fasanella a Sacco

di Luigi Martino

Due giorni all’insegna del trekking e della scoperta degli Alburni. Sabato 5 e domenica 6 si svolgeranno due tappe inserite nella guida “A piedi nel Cilento” e organizzate dagli autori Giacomo Cacchione, Francesco Coppola e Donato D’Ambrosio. La prima partirà dalla Grotta di San Michele Arcangelo a Sant’Angelo a Fasanella seguendo il sentiero che raggiunge in circa un’ora Corleto Monforte; si prosegue verso il sito archeologico del Monte Pruno fino ad arrivare al suggestivo borgo abbandonato di Roscigno Vecchia. La seconda tappa, di scena domenica 6 giugno, ripartirà da Roscigno Vecchia, passando per le suggestive Sorgenti del Fiume Sammaro, e raggiungerà il Comune di Sacco fino ai ruderi di Sacco Vecchia per poter vedere i resti della Chiesa di San Nicola e per godere di uno splendido panorama su tutta la valle.

Parteciperanno sessanta persone provenienti da Campania, Puglia e Basilicata. L’appuntamento è promosso allo scopo di valorizzare e far conoscere attraverso il trekking una parte del bellissimo territorio del Parco Nazionale del Cilento degli Alburni e Vallo di Diano: la Valle del Calore e i Monti Alburni

«Siamo orgogliosi di far conoscere a sessanta appassionati i nostri bellissimi territori – spiega Giacomo Cacchione – percorreremo a piedi sia sentieri ufficiali del Parco che vecchi sentieri ormai quasi dimenticati. L’appuntamento è alla grotta rupestre di San Michele Arcangelo, a Sant’Angelo a Fasanella, da dove inizierà la nostra due giorni attraverso gli splendidi luoghi degli Alburni».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019