Estate, nel Cilento l’alta velocità è doppia: dopo Frecciarossa arriva Italo

Infante viaggi

di Redazione

Il Cilento finalmente recupera l’ingresso nel circuito dell’alta velocità. Sono passati 10 anni dall’istituzione del servizio di trasporto ferroviario AV. Per 10 anni il Cilento ne è rimasto fuori. Il servizio si spegneva a Salerno. L’emarginazione ci è costata tanto. Non a caso un grande meridionalista, Giustino Fortunato, ascriveva l’arretratezza del Mezzogiorno alla sua condizione di “segregazione topografica”. La ricerca del prof. Ennio Cascetta, ordinario di Pianificazione dei trasporti dell’Università Federico II di Napoli, ha dimostrato che nei 10 anni del treno veloce le città che hanno potuto fruire di questo servizio hanno raggiunto una crescita del PIL tra l’8 e il 10%. Quelle prive del servizio AV si sono fermate tra lo 0,4 e il 3%. Senza l’alta velocità il turismo, in particolare, langue e non può esserci sviluppo economico ed occupazionale. È stato dimostrato che le infrastrutture di trasporto riducono i divari: un terzo della disuguaglianza del reddito delle province meridionali, rispetto a quelle centro – settentrionali, è imputabile alla più modesta dotazione infrastrutturale delle prime rispetto alle seconde.

«Il 29 novembre 2019, nel corso dell’incontro a Vallo della Lucania tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i 100 sindaci del Cilento e del Vallo di Diano, consegnammo al vertice dell’Esecutivo, il “Manifesto del Mezzogiorno” che, tra le principali proposte, includeva il prolungamento dei treni AV fino a Reggio Calabria. Il Presidente Conte la fece propria. Promise il suo diretto interessamento. Ulteriore sostegno abbiamo avuto dal vice Ministro dei Trasporti M5S Giancarlo Cancelleri (che, da meridionale, ben conosce le gravi carenze infrastrutturali del Mezzogiorno). I risultati ci sono stati: oggi abbiamo sia Frecciarossa che Frecciargento e sia Italo che collegano Nord e Sud, con fermate nelle stazioni del Cilento». E’ quanto sottolinea Franco Castiello, parlamentare dei 5 Stelle.

  • Vea ricambi Bellizzi

«I riflessi positivi sull’economia e sul turismo in particolare non tarderanno a farsi sentire. Ne siamo certi. Un grazie di cuore al Presidente Conte, al vice Ministro Cancelleri ed ai vertici della società Italo e delle società Trenitalia e RFI che hanno accolto le nostre insistite sollecitazioni e ci hanno consentito di fruire di questo importantissimo servizio» chiosa Castiello.

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro