• Home
  • Turismo
  • Domani ad Agropoli la festa dell’Unitalsi con 500 ammalati e volontari campani

Domani ad Agropoli la festa dell’Unitalsi con 500 ammalati e volontari campani

di Federico Martino

Una giornata di festa in una delle località costiere più belle della Campania, dove sventola anche la “bandiera blu”. Il tradizionale appuntamento, organizzato ogni anno dalla sottosezione Unitalsi di Agropoli, è la “Festa sulla spiaggia” nella splendida struttura del lido Trentova ad Agropoli.
Le adesioni sono pervenute da tutta la Campania, dalle sottosezioni di Salerno, Amalfi-Cava, Battipaglia, Padula, Napoli, Torre Annunziata, S. Maria Capua Vetere, S. Maria a Vico, Teano-Calvi e Flegrea, con oltre 500 unitalsiani che si metteranno in viaggio per trascorrere una giornata di allegria e di amicizia.
Ombrelloni e sdraio sono stati messi a disposizione dall’amministrazione del lido Trentova, guidata dall’avvocato Antonio Coppola, con la collaborazione dell’intero staff della struttura balneare. Il bagno con i ciambelloni gonfiabili è assicurata dalla Società italiana nuoto di salvamento, con l’attiva collaborazione degli scout del gruppo Agesci Agropoli I.
La messa sul lido sarà celebrata dall’assistente ecclesiastico diocesano dell’Unitalsi, don Bruno Lancuba, mentre l’animazione della giornata sarà curata dal coordinamento regionale campano dei giovani dell’Unitalsi.
A salutare i partecipanti ci saranno il sindaco di Agropoli, Franco Alfieri, l’assessore alle politiche sociali Angelo Coccaro e il presidente della sottosezione Unitalsi di Agropoli, Salvatore Guzzi.

«Questa giornata di festa si ripete ogni anno e rappresenta la prova evidente di come anche le “barriere” costituite dalla sabbia e dal mare possano essere vinte con la buona volontà e l’entusiasmo – spiega Salvatore Guzzi – A renderla possibile sono le tante persone che ci aiutano con generosità  e che ringrazio di cuore a nome dei fratelli unitalsiani. Sono il Comune di Agropoli, l’Asl Salerno 3 e la centrale operativa del 118 di Vallo della Lucania, i carabinieri, la polizia municipale, la capitaneria di porto, il personale medico, la Croce rossa italiana, ristorante “Il vecchio mulino” di Giovanni Petrizzo, caseificio Di Lascio di Capaccio-Paestum, panificio “Le dolcezze del forno”, pizzeria “Arca di Noè”, ortofrutta Migliaro, farmaceutici Ganassini, farmacia Paraggio, caffè Castorino, Dis-gel Sammontana, Ferrarelle con Pierpaolo Iorio, Beauty Sì, gioielleria Pina Cianfrone e tutti i volontari».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019