• Home
  • Attualità
  • Fabrizio, il turista che prima del mare ripulisce Camerota dalle cartacce

Fabrizio, il turista che prima del mare ripulisce Camerota dalle cartacce

di Luigi Martino

Lui è Fabrizio, un turista in vacanza a Marina di Camerota. Alloggia fino al 13 agosto in una struttura ricettiva sita in località Monte di Luna. E’ un turista ‘diverso’. Prima di andare al mare e godersi le ferie in relax, ogni mattina, alle 8.00, scende in paese per raccogliere cartacce e rifiuti di diverso genere. Stamane si è aggregato alla squadra dei ragazzi dei parcheggi che lo hanno conosciuto e gli hanno fornito del materiale. Lui ha stretto la mano a tutti e si è messo subito a lavoro. «E’ molto legato alle varie tematiche in materia di ambiente ed è un bravissimo ragazzo» ha affermato Giuseppe Petrillo, uno dei primi a conoscerlo. Oggi ha incassato non solo i complimenti di quelli che sono diventati suoi colleghi per qualche giorno ma anche il plauso del sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta. A Marina di Camerota, Fabrizio, ha dedicato anche una poesia.

La poesia scritta da Fabrizio

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019