• Home
  • Featured
  • Fase 2, Fortunato: «Paesi rischiano di morire. Subito autonomia ai sindaci»

Fase 2, Fortunato: «Paesi rischiano di morire. Subito autonomia ai sindaci»

di Luigi Martino

di Lui. Mar.

Il sindaco di Santa Marina Giovanni Fortunato scrive al presidente del consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e al governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, per valutare l’opportunità, in previsione della fase 2, di dare maggiore autonomia ai sindaci in base agli aspetti peculiari del territorio, per la riapertura di bar, pasticcerie, servizi di ristorazione ed anche barbieri, parrucchieri ed estetiste. «In un periodo così difficile – spiega il primo cittadino di Santa Marina Giovanni Fortunato – in un momento storico che mai abbiamo affrontato prima d’ora, in cui ci apprestiamo a vivere una fase 2 di convivenza con l’emergenza covid-19, è giusto e indispensabile programmare una ripartenza graduale, che andrebbe però pensata valutando i singoli aspetti e i singoli casi. Nei piccoli paesi, di cui è costellata la nostro Patria, non è possibile concepire la riapertura dei bar e delle pasticcerie permettendo solo la consegna a domicilio e il servizio da asporto, ben diversa cosa è la situazione delle città, dove ci sono uffici e attività lavorative in ripresa, li sì ha un senso consentire la riapertura seguendo questi criteri. Nelle nostre piccole realtà però nessun bar, nessuna pasticceria e nessun esercizio di ristorazione potrà riaprire a queste condizioni. Penso anche ad altre categorie, barbieri, parrucchieri ed estetiste che dovranno attendere il primo di giugno per riavviare le loro attività da troppo tempo serrate. Sarebbe opportuno per la fase 2 consentire maggiore autonomia ai sindaci, che hanno dimostrato in questo particolare momento storico, di saper gestire in maniera esemplare la situazione emergenziale. Un piccolo comune, dove il distanziamento sociale esiste naturalmente ed è normalità giornaliera, non può essere gestito né trattato come una città. Soprattutto-continua Fortunato- tenendo conto che nel mio comune, come nella maggior parte dei comuni del Cilento e nella stragrande maggioranza dei comuni del Sud, non ci sono stati e non ci sono casi di coronavirus. Si potrebbe pensare alla riapertura dei bar, delle pasticcerie, degli esercizi di ristorazione, barbieri, parrucchieri ed estetiste, già dal 4 maggio, naturalmente sempre nell’ottica del distanziamento e nel rispetto delle normative di sicurezza delineate dal Governo e dalla Regione. Anche in base alla singola attività commerciali, tenendo conto delle dimensioni del locale, sia all’interno che degli spazi all’aperto, per valutare caso per caso la gestione della ripresa. Il nostro territorio ha bisogno di ripartire, l’economia deve essere riavviata, bisogna dare un segnale positivo alla nostra gente, ai nostri lavoratori, concedere maggiore respiro a quelle attività che in maggior misura hanno subito la chiusura di questi mesi».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019