Fauna e flora autoctona, ad Agropoli l’accordo con guardie ambientali per tutelarla

L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Adamo Coppola, ha siglato un protocollo di intesa con le guardie zoofile ambientali N.I.T.A. (E.R.A. Ambiente coordinamento provinciale di Salerno ODV).

L’accordo è finalizzato ad una serie di attività che guardano all’Ambiente e la natura, tra le quali: la tutela e la conservazione della fauna e della flora autoctona del fiume Testene, attività di protezione animali, controllo sull’igiene pubblica ed ambientale, rispetto della normativa vigente e collaborazione con il Comando di Polizia locale, anche in riferimento agli abusi in materia edilizia, ricerca soccorso e vigilanza, grazie alla sezione droni.

E’ stato predisposto un apposito progetto di tutela e conservazione della fauna e della flora autoctona, con il quale si intende attuare il passaggio da politiche di tutela dell’ambiente a più ampie politiche di gestione delle risorse paesistico-ambientali, agendo in molteplici settori: protezione e tutela degli ambienti naturali, tutela delle acque, difesa del suolo, tutela delle bellezze naturali, conservazione e miglioramento della fauna e della flora.

Le azioni si propongono di interessare il fiume e le acque, la rete ecologica, la creazione di un laboratorio della genesi ed evoluzione del paesaggio, con la valorizzazione delle strutture museali e culturali già esistenti lungo il fiume allo scopo di qualificare l’offerta turistica, didattica e culturale. Inoltre, il progetto prevede la salvaguardia dell’ecosistema mirando al ripopolamento delle specie che un tempo vivevano nel fiume. Già da qualche mese questo punto è in corso di attuazione, con la collocazione in loco di alcune specie di volatili.

Già si è a lavoro anche per l’installazione di telecamere di videosorveglianza su alcuni punti di accesso al fiume che permetteranno un controllo h24 sulle aree. Verranno inoltre installati idrometri in corrispondenza dei ponti di via D’Acquisto, via Taverne e via De Gasperi al fine di tenere costantemente sotto controllo il livello del fiume.

«Il fiume Testene – affermano all’unisono il sindaco Adamo Coppola è l’assessore all’Ambiente Rosa Lampasona – è uno dei simboli della Città di Agropoli. La sua tutela deve essere al primo posto, anche in funzione del fatto che le sue acque sfociano nel nostro mare Bandiera blu. Nel contempo poterlo rendere fruibile e vivibile significa creare un nuovo attrattore turistico. Il lavoro da fare è tanto, ma ci sono tutti i presupposti per arrivare al risultato sperato. Grazie al protocollo di intesa siglato, avremo le guardie zoofile ambientali N.I.T.A. al nostro fianco».

©Riproduzione riservata