• Home
  • Attualità
  • Fondazione Mida, D’Orilia a fine mandato: «Lascio un modello vincente»

Fondazione Mida, D’Orilia a fine mandato: «Lascio un modello vincente»

di Pasquale Sorrentino

Dopo 12 anni sta per terminare l’era di Francesco D’Orilia alla guida alla Fondazione Mida. Il presidente uscente nelle scorse settimane in una lettera alla Regione ha confermato di non voler continuare il suo mandato, già scaduto, anche in seguito alle dure battaglie politiche con il sindaco di Auletta, Pietro Pessolano e nel silenzio – consenziente secondo il presidente del primo cittadino di Pertosa, Domenico Barba – e per questo motivo stamattina ha tracciato un bilancio di fine mandato: «Lascio un modello vincente, l’esempio che il Sud può farcela se c’è autonomia e trasparenza».

«Mi piace concludere una esperienza personale che mi ha visto protagonista nella Fondazione, con un momento di bilancio del mio percorso e dei risultati raggiunti. Ritengo che chi svolge una mansione di responsabilità debba dar conto di quello che ha fatto. Mi auguro che il momento attuale rappresenti solo un passaggio di testimone tra me e il nuovo Presidente che verrà, all’insegna della continuità negli indirizzi e nello spirito della Fondazione. L’auspicio è che questo modello virtuoso si doti rapidamente di un Direttore, di un Comitato scientifico e di maestranze qualificate. Penso di lasciare un modello vincente, un’esperienza che dimostra come il Sud può farcela se alla base c’è una gestione autonoma, democratica, pubblica e trasparente. Un’ultima soddisfazione, nel 2012 la Fondazione aveva una situazione debitoria di oltre 517 mila euro. Al 31 Dicembre 2021, i debiti sono stati cancellati e siamo a più 25.613 euro, con un avanzo di amministrazione nel 2021 di oltre 100mila euro».

ALCUNI NUMERI:
Dipendenti
Dal 2007 i dipendenti del vecchio Comitato Pro Grotte dell’Angelo, cui era affidata la gestione delle Grotte, sono diventati dipendenti della Fondazione MIdA. Nel 2012 la Fondazione ha trasformato i loro contratti da tempo determinato (6/7 mesi) a tempo indeterminato (part-time per la maggior parte di loro e a tempo pieno per 3 unità). Ad inizio 2020 tutti i contratti part-time sono stati trasformati in full-time. Oggi si contano 13 unità full-time.

Incassi
La Fondazione MIdA gestisce le Grotte di Pertosa-Auletta e un sistema museale dedicato al suolo e alla speleo-archeologia. Promuove costantemente attività di ricerca scientifica e sociale, in sinergia con istituti ed enti di ricerca nazionali e internazionali e con gli attori locali. Il suo modello gestionale è stato riconosciuto come un’eccellenza a livello nazionale, trovando ampia eco e menzione in inchieste e reportage giornalistici. L’ente, inoltre, fa parte dell’Associazione delle Grotte Turistiche Italiane (AGTI), per la quale ha ricoperto, da tre mandati, il ruolo di Presidenza.

Negli ultimi 8 anni, il sito delle Grotte di Pertosa-Auletta è stato visitato da oltre 500.000 persone, con una media di circa 60.000 presenze annue. Dal 2007, anno in cui la Fondazione MIdA ha iniziato la sua attività di gestione delle Grotte di Pertosa-Auletta, al 2019 l’incasso derivante dai biglietti delle Grotte è considerevolmente aumentato (+46%). Nello specifico, nel 2007 il numero dei visitatori era di 65.368 unità per un incasso di 483mila euro circa. Nel 2019 (ultimo anno pre pandemico) a fronte di 63.365 visitatori l’incasso è stato di 706mila euro circa. Questo risultato è stato possibile grazie al miglioramento dell’offerta turistica e del valore percepito dai visitatori, oltre che ad una più efficiente riorganizzazione degli ingressi.

Inoltre sono stati migliorati i servizi accessori (Mida Store, Speleo Bar, Foto Ricordo). Nel 2019 la Fondazione ha incassato dai servizi accessori oltre € 135.000, il 16% del totale. nel 2007 incassava meno di € 12.000, il 2% del totale.

Formazione
La Fondazione si è fatta promotrice nel seno dell’Associazione Italiana Grotte Turistiche, di cui attualmente detiene la Presidenza promuovendo con continuità 13 corsi di formazione per le guide in grotta e incoraggiando l’adozione di buone pratiche in tutto il panorama delle Grotte Turistiche d’Italia e non solo.

Marketing e Social
L’Ufficio Marketing cura le campagne di promozione, partecipa ai maggiori eventi fieristici, cura la redazione di brochure e cataloghi dei servizi offerti alle differenti tipologie di utenti, mantiene i contatti con le strutture ricettive, le agenzie turistiche e le scuole, promuove i canali social. Questi alcuni risultati:
38.000+ FANs
Persone che seguono la pagina Facebook delle Grotte. 4.500+ sul profilo Instagram. Dati 2021.
140.000+ visite
Visite in un anno al sito internet ufficiale della Fondazione MIdA. Dati 2021.
2.300.000 REACH
Il bacino di utenti in target che si raggiunge con le campagne sponsorizzate. Dati 2021.
6.000 GROUPON
Biglietti venduti tra il 2017 e il 2018 in occasione della campagna promozionale realizzata a
costo zero.
66 FIERE
Fiere di settore e eventi di promozione turistica ai quali si è partecipato.
13 EDUCATIONAL
Incontri promozionali presso la Fondazione MIdA con Agenzie di Viaggio, Tour operator, scuole.
80 STRUTTURE
Attività ricettive convenzionate che propongono le Grotte ai loro ospiti regolarmente.
2.000+ SCUOLE
A cui viene consegnato il catalogo cartaceo delle attività. Più di 10.000 raggiunte via email.
In questi anni sono stati attivati accordi commerciali con agenzie di viaggio, tour operator e strutture ricettive, contando, ad oggi, oltre 350 collaborazioni.

Casa Editrice
MIdA è anche Casa Editrice ed ha al suo attivo la pubblicazione di oltre 30 monografie e di un periodico.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019