Giornata in ricordo delle vittime delle mafie. Ecco gli eventi in provincia di Salerno

«A ricordare e riveder le stelle» è lo slogan scelto per la XXVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

L’emergenza sanitaria non ferma dunque questo grande filo di memoria e impegno che unisce tutto il Paese nel nome delle vittime innocenti delle mafie. Pur nel rigoroso rispetto delle norme vigenti, Libera ha scelto infatti di organizzare piccoli momenti di lettura pubblica dell’elenco dei nomi delle vittime innocenti, previsti per sabato 20 marzo alle ore 11.00, in contemporanea con migliaia di altri luoghi sparsi in tutta Italia.Le letture avverano in luoghi di cultura. È al mondo della cultura, così profondamente ferito dalla pandemia, che, con questa scelta, abbiamo voluto dimostrare la nostra vicinanza.

Sono 10 le letture pubbliche previste in provincia di Salerno: ad Agropoli, al Castello Angioino Aragonese, a Battipaglia, lo spazio antistante il Teatro del Centro Sociale, a Castel San Giorgio, Giardini di Villa Calvanese, ad Eboli letture online, a Nocera Inferiore, il Complesso Palazzo Fienga, Castello del Parco, a Padula nella Certosa di San Lorenzo,  a Pagani nello Spazio antistante il Teatro del Centro Sociale, a Salerno nel Complesso monumentale di Santa Sofia, lato Largo Abate Conforti, a Scafati nello Spazio antistante il Teatro della Parrocchia di San Francesco di Paola e a San Giovanni a Piro, nella Biblioteca comunale.

Alle 11.00 in punto di sabato 20 marzo inoltre, sulla pagina Facebook del @Coordinamento di Libera a Salerno verrà trasmessa la lettura condivisa dell’elenco delle vittime innocenti. Sono decine nella provincia le scuole che, autonomamente e a conclusione di un percorso di approfondimento e riflessione verso il 21 marzo, si riuniranno in modalità virtuale e con gli strumenti a loro disposizione per leggere l’elenco.

Nei giorni dal 19 al 21 marzo, infine, saranno proiettati i nomi delle vittime innocenti sulla facciata del Complesso monumentale di Santa Sofia.

©Riproduzione riservata