Giornata mondiale dell’acqua, Adinolfi: «Si acceleri iter per legge sull’acqua pubblica»

Isabella ADINOLFI in the EP in Strasbourg

«L’acqua è una risorsa primaria, essenziale per la vita, ma ancora oggi non è garantita a tutti in molti Paesi del mondo. Sprecarla, trascurarla o inquinarla è un errore, proprio come ha sottolineato anche Papa Francesco attraverso un messaggio firmato dal cardinale Parolin. Ecco perché occorre un cambio di rotta verso un sistema di gestione, più sostenibile e virtuoso, così come dettato anche dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. L’Italia ha accettato questa sfida con l’obiettivo di realizzare la cosiddetta transizione ecologica, per un Paese più moderno ed efficiente». L’ha dichiarato l’europarlamentare salernitana del M5S, Isabella Adinolfi, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua.

«In Italia, tuttavia, la situazione è ancora complessa con una proposta di legge sull’acqua pubblica ferma al palo da tempo nelle commissioni competenti – conclude Adinolfi – Una gestione pubblica di un bene pubblico consentirebbe un cambio radicale, da cui secondo noi non si può più prescindere. Da qui, il mio invito affinché il Governo acceleri per delineare il quadro normativo in materia. Oggi più che mai, grazie anche alle risorse del Recovery Found, è necessario investire nel ciclo integrato delle acque, dalle reti nuove alle attività di manutenzione, per segnare definitivamente il passo verso un futuro più sostenibile».

©Riproduzione riservata