• Home
  • Politica
  • Se i genitori lavorano in estate, il Comune intrattiene i bambini

Se i genitori lavorano in estate, il Comune intrattiene i bambini

di Maria Antonia Coppola

 Quando i genitori lavorano in estate, il Comune di Castellabate si offre di fare da babysitter ai bambini, intrattenendoli in attività formative e ludiche. Riparte, infatti, dal 1° luglio l’iniziativa del centro diurno per minori, che ha già ottenuto un ottimo riscontro negli anni scorsi. Le famiglie interessate devono presentare la domanda entro il 28 giugno.
Il servizio è gratuito e resterà attivo fino al 31 agosto. Ad attivarlo è stata l’amministrazione guidata dal sindaco Costabile Maurano, assieme all’Ufficio di Piano sociale di zona dell’ambito S/7. Il centro polifunzionale è rivolto ai bambini dai 3 agli 11 anni e funzionerà dal lunedì al sabato, dalle ore 8,30 alle 13 nei locali della scuola elementare e materna di Santa Maria.


Per poterne usufruire, però, i genitori devono presentare un’istanza entro il 28 giugno sui moduli in distribuzione presso tutti gli uffici comunali. Alla stessa vanno allegati la copia di un documento di identità, l’attestazione Isee con il reddito 2009 e un’autocertificazione da cui risulti l’impegno di lavoro.
L’obiettivo è dare una mano alle mamme e ai papà che lavorano nel periodo estivo, quando nelle note località turistiche del Comune di Castellabate la moltissime famiglie sono impegnate fuori casa per guadagnarsi la parte principale delle proprie entrate annuali. La struttura offre loro un sostegno alle responsabilità genitoriali, consentendo di svolgere la propria attività lavorativa senza pensieri e garantendo ai bambini un intrattenimento educativo e piacevole. Per stimolare e coinvolgere i piccoli ospiti, sono previste infatti diverse attività tra cui giochi, iniziative formative e di socializzazione, laboratori artistici e teatrali, attività didattiche, escursioni all’esterno e momenti di svago.



 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019