Incendio Camerota, 56enne ancora grave al Cardarelli. Vigili del Fuoco: «Ecco cosa è successo»

Marina di Camerota è in apprensione per le sorti di R.C., la donna di 56 anni trasportata d’urgenza in eliambulanza al Centro Grandi Ustioni dell’ospedale Cardarelli di Napoli in seguito all’incendio che ha inghiottito l’appartamento doveva vive insieme alla sua famiglia e alla suocera. Il referto parla di oltre il 70% del corpo ustionato. Stabili le condizioni di G.D.A., 87 anni; L.M., 62 anni (marito di R.C.); G.M., 36 anni (figlia di R.C.).

LE FOTO

L’incendio si è sviluppato nel pomeriggio di ieri – mercoledì 18 luglio – all’interno dell’appartamento ubicato in via Ciro Coppola (traversa di piazza San Domenico) a Marina di Camerota. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale stazione, agli ordini del comandante Francesco Carelli, i sanitari del 118, il comando della Polizia Locale, l’Amministrazione Comunale di Camerota e tanti volontari. Sono stati invece i vigili del fuoco del distaccamento di Policastro Bussentino, coordinati dal caposquadra Aldo Santoro e dal caporeparto Giovanni Sanzone, a fare irruzione nello stabile. «Per effetto delle fiamme che hanno raggiunto un’elevata temperatura – si legge nel referto dei vigili del fuoco – sono rimaste ustionate quattro persone. Nel prosieguo delle operazioni di verifica post incendio è stato appurato che l’incendio è probabilmente avvenuto a seguito di un corto circuito elettrico, dovuto ad un punto luce realizzato su un rivestimento ligneo. Tale evento si è propagato all’intero ambiente dove sono stati interessati i mobili di arredamento. In merito a quanto innanzi rappresentato – rendono noto gli uomini del 115 – si ritiene necessaria l’interdizione delle aree interessate e la successiva messa in sicurezza degli impianti elettrici e tecnologici».

©Riproduzione riservata