Lo smart working nel piccolo borgo, lavorare nel mondo ma da Tortorella

540
Infante viaggi

di Marianna Vallone

Il Comune di Tortorella lancia l’iniziativa, anche per i turisti: lavorare in smart working in uno dei borghi più piccoli e caratteristici del Cilento. Dopo il lookdown sono molte le aziende e gli enti che hanno chiesto ai loro dipendenti di limitare le trasferte di lavoro e lavorare da casa. Un numero sempre più crescente.  La proposta del comune amministrato da Nicola Tancredi è di lavorare nel verde del Parco nazionale del Cilento. Il Comune ha infatti attivato delle postazioni di lavoro agile per lavorare da remoto. Spiega che possono farne richiesta coloro che desiderano rientrare per stare con i propri cari e gli ospiti soggiornanti nel borgo. Un’opportunità in più per i turisti che decidono di trascorrere qualche tempo nel comune di Tortorella. La registrazione va effettuata presso gli uffici comunali. (0973 374466). Le postazioni saranno attive dal 6 luglio. Si tratta di intendere il lavoro in una nuova prospettiva e di godersi la pace di un paese di collina a due passi dal mare.

  • Vea ricambi Bellizzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

assicurazioni assitur