Mario Grambone, l’ultimo bottaio del Cilento

di Luigi Martino

Mario Grambone è nato il 23 dicembre di 70 anni fa. Da quel giorno si nutre della lentezza di questo posto; da 65 anni, invece, balla attorno alle botti. La sua danza non ha segreti particolari, è fatta di movimenti ritmici, di abitudini, di legno al sole e di fatica. E’ l’ultimo vuttaro del Cilento. Dopo di lui il vuoto e un mestiere che, almeno qui, si estingue. Le sue giornate sono intrise di passione.

Nelle sue mani i suggerimenti antichi del nonno e poi del papà. Erano bottai anche loro, come il fratello. Ora i loro volti sono in fila, scolpiti nelle fotografie affisse alle pareti della bottega. Guardano Mario e lo proteggono. Lui colleziona le tracce del silenzio delle colline di Sessa Cilento. Vive tra i castagni e beve vino rosso.

Si è capito, oggi compie gli anni. Questo è il nostro regalo.

Le altre storie:

Nonna Trisina e gli scauratielli di Natale
• La storia del vecchio borgo abbandonato di San Severino di Centola
Il racconto dell’antica pizza Cilentana: l’Ammaccata
Piano Vetrale, il paese dei murales dove nacque Paolo De Matteis
Mastro Peppo, la storia dell’ultimo cestaio di Omignano
Saverio Scanniello, maestro della radica d’ulivo del Cilento