Massacro di gatti a Vallo della Lucania, papà uccide animali della figlia: «Mi davano il tormento»

Infante viaggi

Ha ucciso i gatti della figlia e li ha lanciati nel cortile perchè gli davano il tormento. Un anziano di Vallo della Lucania è stato denunciato da un’associazione di animalisti. Ieri l’uomo è entrato in un supermercato della cittadina cilentana. Ha acquistato qualche etto di carne macinata e ai presenti dice di dover andare a casa «ad uccidere i gatti della figlia». «Mi danno il tormento e me ne devo liberare», esclama mentre paga la spesa alla cassa. Tra i clienti del negozio parte subito il tam tam. Scatta l’allarme e a casa dell’uomo arrivano le forze dell’ordine e un’associazione animalista. Ma l’uomo aveva già portato a termine la sua missione. Con delle polpette avvelenate aveva ucciso i gatti della figlia. Alcuni erano ancora in vita, ma moribondi e così hanno deciso di sopprimerli. Nel giardino c’erano sette gattini, alcuni morti, altri agonizzanti. L’uomo ha amesso davanti alla figlia e alla moglie di aver ucciso già altri gattini.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

  • Lido Urlamare Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido La Torre Palinuro